Menu

Tipografia

logo lavoroLa compensazione ora è a livello nazionale

L’entrata in vigore del Decreto Legge n.138 del 13 agosto 2011 ha modificato la cosiddetta flessibilità delle assunzioni obbligatorie dei disabili.

La precedente normativa prevedeva già che i datori di lavoro potessero assumere più disabili di quanti previsti dalla legge, andando a compensare così l’obbligo di assunzione presso altre unità produttive della stessa azienda nella stessa regione.

Il DL 138/2011 invece concede ora ai datori di lavoro di compensare le assunzioni a livello nazionale. Quindi i datori di lavoro privati che possiedono più unità produttive possono assumere  più persone disabili presso una sede e compensare così le assunzioni al di sotto del numero di legge in altre unità .

QUALI AZIENDE  ‑¬â€˜ le aziende che potranno agire in questo modo sono le società collegate o controllate (parte del gruppo individuato ai sensi dell’art. 2359 del cod. civ). Si tratta di grosse società , che spesso hanno sedi dislocate su tutto il territorio nazionale. I datori di lavoro che intendono avvalersi della compensazione devono trasmettere telematicamente, ai servizi provinciali di competenza, il prospetto annuale della totalità di assunzioni a livello nazionale e dell’assolvimento dell’obbligo di assunzione ai sensi della legge.

GLI ENTI PUBBLICI ‑¬â€˜ Per gli enti pubblici la compensazione può essere attuata unicamente a livello regionale.

COSA CAMBIERA’ ‑¬â€˜ Se un’azienda con due sedi, poniamo una al nord e una al sud, assumesse più lavoratori disabili al nord potrà non assumerne nessuno al sud.
Si tratta di un’estremizzazione, ma il concetto è questo.  Se da una parte si incentivano le aziende ad assumere più personale con disabilità nelle sedi più adatte, dall’altra si rischia di creare delle zone con un totale vuoto di assunzioni.

Certamente è giusto che le aziende, molte in profonda crisi, possano ottimizzare le proprie risorse non contravvenendo all’obbligo di collocamento di invalidi. Altrettanto sarebbe corretto incentivare l’assunzione di persone con disabilità su tutto il territorio nazionale, in particolar modo da parte delle grandi aziende.

 

PER APPROFONDIRE:

LAVORO DISABILI

COLLOCAMENTO MIRATO

 

IN DISABILI.COM:


LAVORO: I DISABILI SONO TRA I PIU' DISCRIMINATI


PERMESSI PER ASSISTENZA A FAMILIARI DISABILI GRAVI: LE NOVITA'


Ilaria Vacca

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->