Menu

Tipografia

Siete aggiornati su cosa fare per prendervi cura del vostro cervello? Se non è così, la prossima settimana è il momento giusto per farlo

Di salute mentale si sente finalmente parlare sempre più spesso, con conseguente maggiore consapevolezza di quanto sia necessario preservarla introducendo stili di vita ma anche prassi che possono contribuire al nostro benessere. Non si tratta infatti solo di malattie del sistema nervoso, ma anche di salute psicologica.

A conferma dell’importanza sempre maggiore di queste tematiche, torna dal 12 al 18 marzo 2018 quella che è ormai una ricorrenza annuale e mondiale nella quale si farà il punto sulle novità riguardo alle scoperte scientifiche più recenti in materia e verranno affrontati molti degli aspetti da considerare per mantenere in salute il proprio cervello. Oltre a convegni e incontri di professionisti del settore (psicologi, neurologi, neuropsicologi, psicoterapeuti, biologi e neuroscienziati medici), la “Settimana Mondiale del Cervello” promuoverà iniziative per rendere accessibile al grande pubblico queste tematiche.

LA SETTIMANA DEL CERVELLO IN ITALIA – Anche l'Italia non manca di partecipare attivamente alla Settimana del Cervello: nell'edizione di quest'anno è prevista la partecipazione di 20 regioni italiane con più di 600 professionisti della salute mentale coinvolti, per la maggior parte psicologi. In tutta Italia verranno organizzati centinaia di eventi gratuiti rivolti al pubblico, tra cui soprattutto convegni e conferenze.
Oltre a ciò, alcune associazioni, tra cui la Fondazione Santa Lucia IRCCS, offrono inoltre la possibilità di fare presso le proprie sedi dei check-up gratuiti in farmacia per controllare a che punto è la propria salute. Infatti, oltre alla diffusione di conoscenze, un altro obiettivo che si prefigge questa iniziativa è quello di sensibilizzare i cittadini su ciò che ciascuno può attivamente fare per prevenire questo genere di problematiche. Si punta a diffondere una cultura della prevenzione,facendo capire l'importanza di effettuare controlli durante il proprio arco di vita e di scegliere stili di vita a sostenere il funzionamento del cervello, organo meraviglioso grazie al quale pensiamo, ricordiamo, ci muoviamo, sentiamo, vediamo, parliamo, dormiamo e organizziamo tutte le nostre numerose attività.
Negli stessi giorni, inoltre, (il 10 marzo 2018) cade anche la Giornata Nazionale delle Malattie Neuromuscolari: lo ricorda la Società Italiana di Neurologia, sottolineando come l’attività muscolare dipenda dal sistema nervoso e quindi dal cervello stesso.

GLI IDEATORI DELL'EVENTO – La creazione della Settimana del Cervello, o “Brain Awareness Week”,  è stata voluta dalla Dana Alliance for Brain Initiatives , un'associazione americana che punta alla diffusione di una cultura della salute mentale in modo che sia accessibile ad un gran numero di persone. È dal 1996 che questo evento è stato istituito, e da allora ogni anno l'appuntamento rimane fisso e molto partecipato in tutto il mondo.
dall’edizione 2010, hanno aderito anche la Società Italiana di Neurologia e la European Accademy of Neurology.

Per approfondire:

Il programma della settimana proposto dalla Società Italiana di Neurologia

Potrebbe interessarti anche:

Sclerosi Multipla: come funzionano le cellule “riparatrici” della mielina


Redazione

Designed by Freepik