Menu

Tipografia

A percorrere le migliaia di chilometri da Verona a Palermo, Luca Falcon, che con la sua protesi alla gamba non smette di andare. Obiettivo: raccogliere protesi da spedire in Africa a persone con disabilità

Si sta svolgendo in questi giorni un giro speciale in giro per l’Italia: l’avventura in bici solidale “Due ruote e una gamba", che si propone di far arrivare in Africa delle protesi raccolte e riassemblate in Italia per poterle distribuire a persone con disabilità e amputate che ne abbiano bisogno.

Luca e Giulia FalconIl ciclo-viaggio, che durerà 10 settimane ed è partito il 1 settembre, da Verona, è compiuto da Luca Falcon in sella alla bici; al suo seguito nelle numerose tappe la moglie Giulia, l’altra metà dell’associazione Karma On The Road, che la coppia ha fondato a seguito dell’incidente che qualche anno fa ha fatto perdere a Luca una gamba.
Ci siamo fatti raccontare da loro come è partita questa idea e come sono arrivati fin qui.

So che c’è una data che voi chiamate l’anno zero. Mi spieghi di cosa si tratta?
Il mio Anno Zero è il 4 Agosto 2016, il giorno dell’incidente che mi ha cambiato la vita. Una macchina mi ha investito mentre ero in moto e il risultato sono stati 41 interventi, più di un anno fermo a letto, una serie di “viti e bulloni” e nel 2019 l’amputazione della gamba sinistra. Di sicuro ho avuto tempo per riflettere e le mie priorità sono cambiate drasticamente: sono comunque tornato in moto e nel 2018 mi sono sposato con Giulia che mi è stata accanto in questo periodo complicato.

La strada (sia fisica che il suo concetto) è sempre stata presente anche nel "dopo". Come si trova l’energia, l’entusiasmo, la motivazione e la forza di "andare"?
In certi momenti della vita si devono fare delle scelte e per me abbattermi non era un’opzione. Ci sono stati periodi di sconforto e dolore, ma per me era fondamentale tornare in piedi e per mesi il mio mantra è stato: “più mi sforzerò oggi, più camminerò domani”. Il sogno di tornare in sella ad una moto e viaggiare mi ha aiutato e motivato moltissimo. Fissarsi un obiettivo e perseverare è stata la chiave per arrivare dove sono oggi.

E arriviamo a Karma on the Road. Cos’è e di cosa vi occupate?
Nel 2020 io e Giulia abbiamo concepito l’idea di Karma on the Road. A noi piace definirla “La semplice filosofia di seminare del bene lungo la strada”. Il nostro primo progetto è stato un moto-viaggio in Marocco in cui, grazie ad una raccolta fondi dedicata, siamo riusciti a far spedire in Africa 206 protesi. Nel 2021 Karma on the Road è diventata una no-profit a tutti gli effetti, con l’obiettivo di dare sostegno a persone amputate e portare avanti la missione del riciclo di protesi usate.

Ci racconti come è nato il progetto Ri-cicloviaggio “Due Ruote e una Gamba” e come funziona?

Il 1 settembre siamo partiti da Verona per un giro d’Italia solidale. Il nostro obiettivo è portare il riciclo protesi in Italia (dove attualmente non è previsto) raccogliendo questi dispositivi usati da privati e associazioni e facendoli arrivare in Africa per chi ne ha bisogno. Io viaggio in bicicletta - con un itinerario previsto di circa 4000km - mentre Giulia mi precede in camper da cui può gestire i Social e in cui possiamo stivare le protesi che ci vengono donate.

A chi andranno le protesi riassemblate, e come riuscirete, logisticamente, a raggiungere chi ne ha bisogno?
Spediremo tutte le protesi raccolte a Legs4Africa, la stessa associazione per cui abbiamo realizzato la raccolta fondi nel 2020. Hanno sede in Inghilterra e raccolgono protesi usate da svariati paesi e le spediscono in centri riabilitativi africani dove hanno anche formato dei protesisti in grado di riadattarle alle caratteristiche fisiche delle persone amputate. Ecco il link al loro sito per vedere l’incredibile lavoro che fanno: https://www.legs4africa.org/

carta dell'italia con il tracciato del giro che farà in bici luca falconCosa siete a riusciti a raccogliere fin'ora e come si può donare la propria protesi inutilizzata ?
A 15 giorni dalla partenza siamo già arrivati a 21 protesi raccolte: questo significa almeno venti persone che torneranno a camminare! Il Ri-cicloviaggio è ancora lungo e in molti ci hanno già contattato per prenotare dei ritiri. Chiunque volesse donare una protesi usata può scrivere a karmaontheroad20@gmail.com e noi organizzeremo un incontro. Al sito internet www.karmaontheroad.org troverete ulteriori modi per sostenere la nostra associazione!

Quali tappe avete fatto, dove vi trovate e quali le prossime?
Questo fine settimana saremo vicino a Pesaro ad un evento in cui racconteremo l’esperienza del moto-viaggio solidale dell’anno scorso, e poi scenderemo la costa adriatica per seguire il periplo e arrivare in Sicilia. Risaliremo dalla costa tirrenica raggiungendo Verona indicativamente i primi di novembre. Per chi volesse seguirci in tutte le tappe ci trovate su Facebook, Instagram e YouTube.

Noi continueremo a tenerli d’occhio e seguire il loro incredibile viaggio. Intanto, a Luca e Giulia, buona strada!

Redazione

Qui le ultime su Covid, vaccini e disabilità

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->