Menu

Tipografia

Il presidente della Provincia di Brescia, Alberto Cavalli, lo dice fin da subito nell'intervista che ci ha rilasciato: "Il Dishow è l'unica fiera in cui siamo proprietari del marchio".
E non è un caso che con una punta di orgoglio ci sia questa dichiarazione: perchè la fiera si è aperta coinvolgendo molte persone, molte associazioni di volontariato, del territorio e non solo, molte famiglie, o singole persone con disabilità (anche in questo caso: non solo loro...).
Anche tanti minorenni, raggruppati per classe, e accompagnati a conoscere la realtà della disabilità da solerti insegnanti.

Alle ore 11.00, il taglio del nastro.
Sul palco tante autorità , che si sono dette soddisfatte per il coinvolgimento registrato dalla fiera.

Significativo, tra gli altri, l'intervento della presidente del consiglio provinciale, Paola Vilardi, che ha sottolinato: "Io credo che questi tre giorni così intensi siano un'occasione per tutti per confrontarsi, insieme, e trovare risposte ai problemi che nella tre giorni potranno emergere".
Chiaro il riferimento anche al vasto programma culturale che caratterizza la proposta del DiShow, dove verranno affrontate le tematiche della sicurezza stradale, delle barriere architettoniche, dell'integrazione scolastica, ed altri argomenti ancora che stanno a cuore alle persone con disabilità .

INFO:

Vedi il nostro Speciale DiShow, con tutte le info, e la visita virtuale, per chi non avesse potuto partecipare in prima persona.

Sul DiShow 2008 leggi anche:
LAVORO, ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI, TUTTI AL DISHOW


[Redazione]

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->