Menu

Tipografia

anida_logo€˜Non vogliamo la macelleria sociale!‑¬


Riceviamo e pubblichiamo l’ultimo comunicato di Anida Onuls (Associazione Nazionale Italiana Diversamente Abili)


SI INTENSIFICA LA €˜CACCIA‑¬ AI DIVERSAMENTE ABILI
DOVE VOGLIAMO ARRIVARE‑¬¦â€‘¬¦..


Come abbondantemente previsto dall’A.N.I.D.A. nel convegno-dibattito €˜ASL ED INPS A CONFRONTO esistono medici di serie A e medici di serie B ?‑¬ del 28 aprile 2009, tenutosi presso l’Auditorium Regione Campania C.D. Is C3 Napoli,  è iniziata e sta proseguendo la presunta €˜caccia al falso invalido‑¬, correndo il serio rischio di danneggiare chi effettivamente ha gravi problemi di disabilità .
Tali tematiche furono affrontate con autorevoli esponenti nel campo della Sanità , per citarne alcuni:  il prof. Goffredo Sciaudone (Emerito di Medicina Legale II università ), dott. Stefano Castaldo (Coordinatore medico-legale INPS), dott. Francesco Minicucci (Pres. Comm.ne attività medico-legali Campania) dott. Raffaele Zinno (coord. Medicina legale ASL NA 2) dott. Antonio Mancini (psichiatra ASL NA1), dott. Antonio Perna (ordine dei medici della Campania) e dott.ssa Rosalba Romano (Dirigente Fasce deboli regione Campania).

Dal convegno emerse con forza che la linea adottata dal Governo, creava forti pressioni sui medici dell’ASL turbando la serenità degli stessi, che invece, devono giudicare in scienza e coscienza le patologie che affliggono il Diversamente Abile, senza preoccuparsi della Spesa Pubblica.
Tale situazione ha aperto un conflitto tra i medici delle ASL e quelli dell’INPS ? che ha visto i primi soccombere.
L’A.N.I.D.A. si chiedeva e si chiede ancora : €˜Ma hanno studiato due Medicine differenti ?"

L’associazione più volte ha proposto ai Ministri della Sanità di aprire un tavolo serio, ed ha proposto come prima cosa di distinguere i Diversamente Abili in : GRAVI, GRAVISSIMI e DISABILI.

Si deve assolutamente impedire, che in questo clima da €˜caccia grossa al falso invalido‑¬ con una severissima revisione per i titolari di accompagnamento e l’innalzamento dei parametri della percentuale che da diritto all’assegno di invalidità si ponga in atto la €˜macelleria sociale‑¬ che di fatto penalizza i veri Diversamente Abili.
Al contempo, l’A.N.I.D.A. sostiene da tempo, che in presenza di un truffatore €˜falso invalido‑¬(che rappresenta solo la punta di un iceberg) ci troviamo di fronte a Specialisti CORROTTI e una Commissione Medica €˜CIECA‑¬, però finora l’unico mostro sbattuto in prima pagina è il Falso Invalido, con tutte le conseguenze che ne scaturiscono per i veri Diversamente Abile.

In ITALIA non si possono affrontare tematiche che riguardano SANTI ‑¬â€˜ PAPI ‑¬â€˜ E ‑¬â€˜ MEDICI

L’A.N.I.D.A. invita tutti i veri Diversamente Abili e le loro famiglie e tutti i medici che in scienza e coscienza valutano con serenità e tranquillità l’AMMALATO senza farsi influenzare dalle sirene del Governo, alla Manifestazione che si terrà il giorno 21 Giugno a Roma, si aspettano cenni di adesioni per l’organizzazione dell’evento all’indirizzo e-mail : anidaweb@libero.it.



Per info:
ANIDA ONLUS
Sede: Piazza Cavour, 38  (Na)
80137- Napoli
e-mail: anidaweb@libero.it
web: www.anidaonlus.it
Tel - Fax : 081-4420084

In DISABILI.COM: