Menu

Tipografia

Essere operatori sanitari vuol dire relazionarsi con le persone, gestire il dono più prezioso dell’uomo, la salute, alleviare la sofferenza, assistere uno accanto all’altro amici e nemici, senza distinzioni, lottare contro le malattie e le loro cause, prima fra tutte la povertà. E così operare per la giustizia, la libertà, il progresso, la pace. È stato presentato recentemente a Milano il nuovo libro di Medici con l’Africa Cuamm: “Nel nome dell’Africa. Parole che fanno bene”.

«In questa occasione presentiamo un prodotto molto originale, un libro in cui le parole si incontrano con le foto in un insieme coerente e molto elegante. Sono scatti di fotografi di Magnum photos che accanto alle parole raccontano e invitano a riflettere sui drammi e sui bisogni del mondo, partendo dal nome di Medici con l’Africa Cuamm», ha affermato Roberto Koch, direttore di Contrasto.

Un racconto fatto con le parole che accompagnano ogni giorno il servizio in Africa, una storia che vive di contenuti e foto di grande impatto. È questa la nuova pubblicazione di Medici con l’Africa Cuamm che, partendo dallo spelling del nome, per ciascuna lettera, narra con parole e immagini concetti che dicono lo stile di tanti anni di servizio.

«Questa sera il mio grazie va a chi ci ha permesso di realizzare questo progetto e di organizzare la presentazione – ha detto don Luigi Mazzucato, direttore di Medici con l’Africa Cuamm -. Il libro “Nel nome dell’Africa. Parole che fanno bene” descrive, attraverso i testi dei volontari, lo stile di Medici con l’Africa Cuamm. L’Africa non ha bisogno solo di parole, ma di azioni. Per noi le parole si concretizzano in azioni, in gesti reali a favore dei più poveri. Non basta fare il medico, è necessario farlo bene. È questa la nostra scelta a fianco dell’Africa, con interventi di medio e lungo termine, promuovendo un processo di sviluppo e di autonomia. Un lavoro svolto con dedizione e competenza, compiendo ogni giorno piccoli gesti che provocano grandi sentimenti e contribuiscono a costruire un mondo migliore».

Il progetto è stato realizzato grazie a una idea dello studio grafico Cdm Associati e di Daniele Varelli, premiata da Sappi, il più grande produttore al mondo di carta patinata senza legno, all’interno dell’iniziativa “Ideas that matter”. Ogni anno, infatti, Sappi offre l’opportunità a grafici e designer di tutto il mondo di realizzare progetti promozionali a beneficio della società e di realtà del non profit. Per l’edizione 2006, una giuria internazionale ha scelto tra le 150 proposte arrivate, le migliori dodici. “Nel nome dell’Africa. Parole che fanno bene” è tra queste. A completare la campagna di comunicazione anche altri strumenti: un depliant, un cofanetto con 21 cartoline raffiguranti le immagini del libro e un manifesto.

Medici con l’Africa Cuamm è un’organizzazione non governativa che si spende per il rispetto del diritto umano fondamentale alla salute e per rendere l’accesso ai servizi sanitari disponibile a tutti, anche ai gruppi più marginali delle popolazioni.
Nata nel 1950 con lo scopo di formare medici per i paesi in via di sviluppo con il nome Cuamm, negli anni ha scelto di operare particolarmente nel continente africano, da cui il nome Medici con l’Africa. Attraverso una sede in Italia e 8 uffici di coordinamento nei paesi africani in cui opera (Angola, Etiopia, Kenya, Mozambico, Tanzania, Sudan, Uganda, Rwanda), Medici con l’Africa Cuamm è oggi presente sul campo con 92 volontari, 56 progetti principali e molteplici interventi di supporto.

PER INFO:
Medici con l’Africa Cuamm
via San Francesco 126
Padova
tel 049.8751279
fax 049.8754738
l.previato@cuamm.org
cuamm@cuamm.org


[Redazione]

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->