Menu

Tipografia

E' nato esattamente trecento anni dopo la morte di Galileo (8 gennaio 1942), ha un Q.I. superiore alla media, due mogli, tre figli, un nipotino, dodici lauree honoris causae e una sedia a rotelle che lo accompagna da una vita.
Stephen Hawking, infatti, soffre di una rara forma di sclerosi che aggredisce il sistema nervoso e ne è stato colpito all'età di 21 anni.
Ma non è tutto. Si dice che gli sia anche portatore del disturbo dell'attenzione e, come sembra, chi ne soffre avrebbe, appunto, un Q.I. superiore alla media e utilizzerebbe modalità di pensiero differente da tutte le altre persone. Come lui anche Beethoven, Winston Churchill, Ernest Hemingway, Leonardo da Vinci, Salvador Dalì, Galileo, Steven Spielberg, Lev Tolstoj, Van Gogh e molti altri "geni" storici.

Attorniato da uno stuolo di assistenti che lo aiutano e interpretano il suo pensiero continua a viaggiare per il mondo e nel suo ultimo libro ha spiegato il mistero dell'universo citando Amleto.
Se inizialmente si pensava che, finendo nei buchi neri, la materia si annullasse;  qualche anno fa l'astrofisico Stephen Hawking ha proposto una nuova teoria,
paragonando i buchi neri a dei frullatori che alla rinfusa risputerebbero gli elementi base della materia che risucchierebbero sotto forma di stelle, asteroidi e pianeti.
E noi? Saremmo come formiche sulle foglie che camminano a testa in giù o in su, senza avere una precisa cognizione del sopra e del sotto di questo universo non tridimensionale, bensì multidimensionale.
Noi, formichine, avremmo allora idea solo del nostro mondo piccolo e limitato, saremmo , conclude Hawking, come Amleto, chiusi in un guscio di noce e considerandoci signori dello spazio infinito.

"L'universo in guscio di noce" si chiama, infatti, il suo ultimo libro che è già un best-seller perché, anche se a volte il lettore scorre le pagine con un bel punto di domanda, è scritto perché ci possa capire qualcosa e tutti i segreti dell'universo sono scrutati come se si analizzasse una piccola sfera un po' appiattita… sempre più o meno come un guscio di noce.

E se c'è chi ha salutato il suo libro come un magnifico testo con intuizioni fulminanti e geniali, che sembra scritto da Galileo, Newton e Einstein, altri, malignamente, etichettano il suo successo come esclusivamente mediatico.

Ma al di là di queste dispute critiche, forse macchiate da un po' di invidia, tutta la sua vita è un fortissimo esempio di dove può condurre la tenacia e la speranza.
Dice Hawking di essersi sentito come un condannato a morte il giorno in cui ha saputo la diagnosi della sua malattia… ma ad aspettarlo non c'era la forca, ma una vita piena di affetti, onori e soddisfazioni… e anche una parte in "Star Trek", accanto a Newton e Galileo.

E a chi gli chiede che cosa se ne faccia di tutti i soldi che guadagna, l'astrofisico risponde, sottolineando le sue condizioni, che se non fosse ricco sarebbe morto.
Ma, nell'introduzione del suo libro, dice anche che "in fondo, è meglio viaggiare pieni di speranza che arrivare".


"L'Universo in guscio di noce", Mondatori, pp 224, 18,60 €.

Per info:
www.hawking.org.uk
www.mondadori.com

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->