Menu

Tools
Tipografia
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Ponte della Costituzione

Quando tra pochi giorni verrà aperto al pubblico, non avrà l'onore di essere percorso dal Presidente Giorgio Napolitano.
Eppure, sul ponte veneziano di Calatrava, il richiamo alla Repubblica non mancherà .
Il motivo sta nel suo nome ufficiale: la giunta comunale ha infatti deciso che la costruzione sul Canal Grande si chiamerà "Ponte della Costituzione".

Il Ponte della CostituzioneDeciso il nome del quarto ponte sul Canal Grande. Il battesimo ufficiale, però, non si farà

Quando tra pochi giorni verrà aperto al pubblico, non avrà l'onore di essere percorso dal Presidente Giorgio Napolitano.
Eppure, sul ponte veneziano di Calatrava, il richiamo alla Repubblica non mancherà .
Il motivo sta nel suo nome ufficiale: la giunta comunale ha infatti deciso che la costruzione sul Canal Grande si chiamerà "Ponte della Costituzione".

Un modo per celebrare la ricorrenza del 60esimo anniversario del pilastro legislativo italiano, la cui riforma è una delle questioni politiche attualmente in rilievo, ha spiegato il sindaco Massimo Cacciari.

Proprio nell'articolo 3, la Costituzione parla del diritto di uguaglianza che i cittadini hanno di fronte alla legge, così come pure del compito affidato alla Repubblica di rimuovere gli ostacoli, economici e sociali, che impediscono la realizzazione dell'uguaglianza stessa.
Che dire, dunque, dell'ovovia per il trasporto dei disabili sul ponte, promessa e non ancora realizzata? Si farà , promette l'amministrazione comunale veneziana; è in fase di realizzazione e sarà installata tra qualche tempo. Data prevista: novembre.
Quindi almeno due mesi dopo il via alle prime passeggiate di turisti e veneziani sulla nuova creazione firmata dall'architetto spagnolo.
E mentre continuano a farsi sentire le proteste di associazioni e di singoli cittadini per le problematiche insorte nella costruzione del ponte - inaccessibilità e alti costi di fabbricazione in primis - la risposta dal municipio è chiara: l'amministrazione non ha colpe.
Anzi, ribattono a Cà Farsetti, si è trovata a dover resistere alle contestazioni che, seppur in minoranza rispetto agli apprezzamenti, hanno fatto molto scalpore, mettendo in ombra le qualità dell'opera.
Un'opera che, come sostenuto dall'assessore ai Lavori Pubblici Mara Rumiz, riveste un alto valore per la conservazione e la valorizzazione della città in futuro.

Sarà vera gloria? Ai posteri l'ardua sentenza.
C'è però da ritenere che, con l'ovovia installata, l'avanzamento verso il futuro sarà davvero apprezzabile da tutti.

INFO:
Il sito del Comune di Venezia
La pagina in cui il Sindaco difende il Progetto

Sul Ponte di Calatrava, ora "Ponte della Costituzione", vedi anche:
NESSUNA INAUGURAZIONE PER IL "PONTE DELLE POLEMICHE"

PONTE DI CALATRAVA, ARRIVA L’OVOVIA

[Roberto Bonaldi]


Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy