Menu

Tipografia

Prendete una piccolo paese della Costa d'Avorio, indicato nelle carte geografiche col nome di Grand Bassam; composto da diversi quartieri, ciascuno popolato di bidonville.
Quartieri senza acqua potabile, con una temperatura che si aggira, sempre, tra i 25° e i 35°, e con un tasso di umidità che raggiunge facilmente il 95%. Ora capite perchè a Grand Bassam scattano spesso allarmi di febbre tifoide e di colera.
Prendete ora un paese alle porte di Torino: Vinovo, 15.000 abitanti, 15.000 volontari. Perchè dal 2002 a Vinovo si è passato da piccole iniziative di adozione a distanza organizzate da scuole elementari e medie, ad un vero progetto di cooperazione internazionale. Il paese ha accettato la proposta di un ex volontario che aveva vissuto 11 anni a Grand Bassam.
E in linea con il motto "l'unione fa la forza", Vinovo ha iniziato a stanziare piccole somme del proprio bilancio, mobilitando tutte le Associazioni del proprio territorio, incontrando un altro popolo, prendendo a cuore in modo responsabile i suoi problemi. Tutto questo ha permesso di fornire acqua potabile in alcuni quartieri bidonville, organizzare corsi di alfabetizzazione soprattutto per giovani madri, fornire micro-crediti ad Associazioni di donne, costruire ed attrezzare un'infermeria e due mulini per la trasformazione della manioca in farina.

Questo il passato. Ora Vinovo si è posta un nuovo, ambizioso obiettivo: una strategia di intervento per avviare la raccolta dei rifiuti. Che, come già detto, rappresenta un'urgenza, soprattutto per gli aspetti igienico-sanitari che vi sono legati. La richiesta è stata avanzata proprio dalla municipalità di Grand Bassam, e raccolta oltre che da Vinovo, anche dalla Sesa (Azienda Smaltimento Rifiuti) di Este (Pd), il cui slogan "Dai rifiuti crescono i fiori" è sicuramente appropriato per questo nuovo obiettivo di "Vinovo per l'Africa". Un obiettivo che vuole anche educare quella popolazione.
E' stata realizzata (ed è tutt'ora in corso) una vasta campagna presso le scuole e nei quartieri per sensibilizzare i cittadini sui problemi collegati alla proliferazione delle discariche intorno alle abitazioni. Ma, soprattutto, si è insistito sulla responsabilità di ciascuno a migliorare il proprio ambiente fisico di vita.

E fra poco prende il via la fase più materiale, concreta: l'arrivo del camion compattatore e di 250 cassettoni forniti da Sesa, che fornità un'attrezzatura adeguata ma soprattutto una strategia di raccolta dei rifiuti che vedrà coinvolta la popolazione. I bidoni saranno infatti forniti a gruppi di famiglie che avranno la responsabilità della pulizia del quartiere, mentre la Municipalità si occuperà della raccoltà e dello smaltimento in discarica. Con la speranza che, fra pochi anni, nasceranno su questo terreno davvero tanti fiori.

Link al comune di Vinovo (TO)

Link al sito di Sesa

Leggi questi articoli
IN AFRICA I DISABILI PSICHICI TRA I PIU' EMARGINATI

"20 LITRI DI SOLIDARIETÀ": E TU, ADERISCI?

PROFESSIONISTI IN COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE

[Francesca Lorandi]