Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

Per l'anno 2002 la Regione Veneto eroghera' 4.803.500 euro (pari a 9 miliardi e 300 milioni) a   favore dei circa 4700 disabili gravi e gravissimi in eta'   post-scolare che frequentano i 226 CEOD (Centri Educativi   Occupazionali Diurni) del territorio regionale.  ''Si tratta - spiega l'assessore alle politiche sociali, Antonio   De Poli, che ha proposto alla Giunta regionale il provvedimento   - di una deliberazione destinata al ristoro delle spese di   trasporto e vitto sostenute dalle famiglie di disabili gravi e   gravissimi che frequentano queste strutture di educazione.   L'iniziativa, che il Veneto ha adottato per primo in Italia, si   inserisce - aggiunge l'assessore - in un quadro di iniziative   tese ad evitare il piu' possibile il ricovero di disabili in   istituti, aiutando anche finanziariamente gli sforzi che   compiono le famiglie per tenerli in casa''.

I 4 milioni 800 mila   euro sono ripartiti tra le Ullss secondo il numero degli utenti   dei CEOD, inteso come struttura che ha la funzione di favorire   negli ospiti disabili il mantenimento e lo sviluppo   dell'autonomia personale, le relazioni sociali con l'ambiente e   il conseguimento di capacita' lavorative in rapporto alle   potenzialita' e attitudini.

La ripartizione provinciale del   contributo regionale e' il seguente: Ullss della provincia di   Belluno, oltre 197 mila euro (191 utenti dei Ceod locali); Ullss   della provincia di Vicenza, oltre 982 mila euro (952 utenti dei   ceod locali); Ullss della provincia di Treviso, oltre 902 mila   euro (874 utenti dei ceod locali); Ulss della provincia di   Venezia, oltre 775 mila euro (751 utenti dei ceod locali); Ulss   della provincia di Padova, oltre 970 mila euro (940 utenti dei   ceod locali); Ullss della provincia di Rovigo, oltre 92 mila   euro (90 utenti dei ceod locali); Ullss della provincia di   Verona, oltre 883 mila euro (856 utenti dei ceod locali).  

Info: http://www.regione.veneto.it/sociale