Menu

Tipografia

Alberto Salmaso, consigliere di minoranza del Comune di Padova, ha presentato una mozione al Consiglio Comunale per la "Costituzione di uno sportello informativo unico a disposizione dei cittadini che hanno a carico un disabile", per adottare strumenti utili e funzionali per venire incontro alle esigenze dei cittadini e delle famiglie con disabile a carico.

Si legge tra le motivazioni della mozione che "un ufficio/sportello adeguatemente formato" si rivelerebbe uno strumento utile per le famglie o per chi cerca notizie a tutto campo in materia di disabilità "permettendo un'identificazione veloce e sicura delle informazioni richieste, riducendo i tempi e i numerosi "viaggi" tra i vari uffici".
La giunta comunale si è sempre dimostrata impegnata a favore delle politiche sociali che coinvolgono le persone diversamente abili.
Come ricorda Salmaso, l'amministrazione riserva circa 2 milioni di euro l'anno per gli ex Ceod, ha finanziato il servizio di trasporto ad hoc per i disabili che lo richiedevano, investito circa 150 mila euro per abbattere le barriere architettoniche, a favore della costruzione di rampe, scale, ascensori.
Implementato i servizi per i disabili, come l'assistenza domiciliare, i soggiorni estivi e le integrazioni delle rette ai disabili che frequentano centri diurni, nell'ottica che "chi fa politica deve dare un servizio concreto a tutti i cittadini, non limitarsi all'assistenzialismo".

La creazione dello sportello risponderebbe all'esigenza di unificare tutte le informazioni sulla disabilità, a partire da quelle in campo sanitario, sociale, psicologico, passando all'area giuridica e amministrativa, al fine di "fornire indicazioni chiare e di indirizzo per un corretto percorso operativo per il proseguimento della costruzione del futuro delle persone diversamente abili" come recita il testo della mozione.

Lo sportello è stato pensato "per non far perdere tempo alle famiglie", rispondere celermente alle esigenze che esse hanno, per favorire il più possibile la loro integrazione nelle scuole, nell'ambito lavorativo e sociale, oltre che aiutare i disabili a sviluppare il più possibile le proprie potenzialità.

A Padova esistono già diverse strutture che offrono questo tipo di servizio, ma sono sparse e frammentate dunque si tratta solo di ottimizzare le risorse già a disposizione e raggrupparle in un unica realtà, con la formazione di personale qualificato. Oltre al risparmio economico che ne deriverebbe, migliorebbe la qualità del servizio e la vita delle famiglie interessate.

INFO:
Comune di Padova
Tel. 049/8205690/1
Fax 049/8205688
gruppiminoranza@comune.padova.it
Il sito del consigliere Alberto Salmaso
Leggi il testo della Mozione

Abbiamo parlato di sportelli informativi anche in:

LOMBARDIA, L'INFORMAZIONE IN RETE PER MIGLIORARE L'ACCESSO ALLE INFORMAZIONI

SCALDA I MOTORI IL CAMPER DEI DIRITTI

[Laura Cappellin]