Menu

Tipografia
Per una persona con un deficit visivo molto forte, la vita quotidiana è non meno complicata che per un non vedente. E tra l'altro, se sulla cecità molto si sa, sull'
ipovisione no, e questo fa sì che questi disabili della vista siano troppo spesso ignorati.

Fra le difficoltà più evidenti, c'è l'incapacità di accedere, in modo veloce, a tutte quelle informazioni che potrebbero migliorare la qualità della vita degli ipovedenti, dall'indirizzo dello specialista al canale per ottenere gli ausili visivi, dai corsi di formazione alle esenzioni per i mezzi pubblici.

L'Associazione Nazionale Subvedenti ha attivato un call center proprio per andrae incontro a queste esigenze. Si chiama «Infoview», e grazie a una banca dati può fornire informazioni dettagliate su quattro diverse aree:

medico-sanitaria (prevenzione, terapie);

amministrativa (legislazione e diritti);

servizi sociali (integrazione scolastica, barriere sensoriali);

tecnologica (ausili e formazione informatica).


Il servizio funziona in modo semplice: l'utente telefona, espone la sua richiesta e riceve poi la documentazione via posta, via fax o via Internet. Infoview è gestito da operatori disabili e funziona anche come sportello amico. Offre poi anche un servizio aggiuntivo di accompagnamento.


Per Info:

Associazione Nazionale Subvedenti, via Clericetti 22, tel. 02.70.63.28.50

Valentina Polati - valentina@disabili.com