Menu

Tipografia

LA LESIONE MIDOLLARE

Disabili-com: colonna vertebrale

PROBLEMI RIGUARDANTI LA LESIONE MIDOLLARE IN ITALIA

L'approccio della Riabilitazione Globale ha dato vita a centri specializzati in molto Paesi Europei: in Italia, purtroppo, ancora molto è da fare.
Alcune Unità Spinali sono operative - a Milano, Pietra Ligure, Vicenza, Roma, Firenze, Perugia, Sondalo (SO) e Cagliari.
Altre stanno per essere avviate, ma i posti letto disponibili sono di molto inferiori rispetto alle esigenze.
Nel Sud la situazione è drammatica: in queste regioni si muore ancora di paraplegia.

Nel nostro Paese, nonostante nel recente Piano Sanitario Nazionale per la prima volta si parli esplicitamente di centri specifici - Unità Spinali Unipolari - deputati alla cura e riabilitazione della mielolesione, è ancora largamente carente una cultura riabilitativa adeguata e le iniziative positive, che pure cominciano ad esserci, sono caratterizzate da forti contraddizioni.

Quando, malgrado le notevoli difficoltà, si riesce comunque a riabilitare sufficientemente una persona paratetraplegica, ci si scontra con una realtà sociale che crea molte difficoltà ad un effettivo reinserimento: molte persone rimangono "prigioniere" nelle proprie abitazioni a causa delle barriere architettoniche che, sebbene numerose leggi ne determinino l'abbattimento, continuano ad essere uno dei fattori più disabilitanti per chi ha difficoltà motorie; la mancanza di progetti di formazione o di riqualificazione professionale impedisce alle persone disabili di riuscire a costruire un progetto lavorativo soddisfacente; per le gravi disabilità mancano servizi assistenziali sufficienti a garantire una accettabile qualità della vita ai disabili ed alle loro famiglie.

La lesione midollare colpisce principalmente persone in una fascia di età piuttosto giovane, e le cause primarie di lesioni traumatiche sono dovute ad incidenti stradali e a incidenti sportivi (in grandissima parte tuffi), motivazioni legate anche a modelli comportamentali sbagliati.
In Italia si investe troppo poco nell'ambito della prevenzione.
Nel caso della lesione midollare sarebbe importante poter svolgere già in età precoce un lavoro di educazione civica e sanitaria, coinvolgendo in modo primario l'ambito scolastico.