Menu

Tipografia

Potrebbe rappresentare la speranza per milioni di persone ammalate di sclerosi multipla. E' stato eseguito nell'ospedale dell'Università di Yale, in America, il primo trapianto a livello mondiale di cellule costruttrici di mielina. La mielina è quella sostanza bianca che ricopre i nervi e che permette la trasmissione degli impulsi dal cervello al corpo e viceversa. E' fondamentale dunque nel coordinamento dei movimenti e in ogni tipo di attivita' neurologica.

La distruzione progressiva della mielina è provocata da alcune malattie genetiche e dalla sclerosi multipla. Il trapianto di cellule che producono la mielina potrebbe essere dunque, la soluzione , il miracolo per tutte le persone che soffrono di sclerosi e di altrettante malattie irreversibili.

Il primo intervento di trapianto e' stato eseguito a luglio, su una donna di 53 anni affetta da sclerosi multipla progressiva, grazie al finanziamento del "Progetto Mielina", l'associazione creata da Augusto Oddone, il papa' di Lorenzo, quel ragazzo che dal 1987 , contrariamente alle previsioni dei medici, combatte contro una forma di adrenoleucodistrofia ereditaria e la cui storia è stata resa famosa in tutto il mondo dal film "L'olio di Lorenzo". I genitori di Lorenzo sono riusciti infatti a scoprire insieme ai sanitari un modo per bloccare la malattia del figlio, che negli ultimi dieci anni non è progredita.

Il "Progetto Mielina" collabora infatti con venti istituti e centri di ricerca sparsi per il mondo, tra cui anche il centro universitario di Yale. L'equipe chirurgica che ha effettuato il trapianto, ha prima prelevato alcune cellule di Schwann da un nervo del polpaccio della donna e poi le ha trapiantate , dopo aver aperto il cranio con strumentazioni di precisione, in una parte del cervello. In tutto sono state trapiantate un milione di cellule.

La donna ha già lasciato l'ospedale, ma bisognerà attendere sei mesi per vedere se il trapianto funziona. Passato questo periodo di tempo infatti sarà eseguita una biopsia sul cervello della paziente ed allora si potrà scoprire se le cellule trapiantate hanno attecchito, integrandosi nei tessuti celebrali e se siano state in grado di ricostruire la mielina.

Nei prossimi mesi, questo tipo di trapianto sarà eseguito anche in altri cinque pazienti ed il numero di cellule sarà quintuplicato, nel cervello saranno trapiantate ben cinque milioni di cellule produttrici di mielina. La speranza è quella di essere sulla strada giusta, non resta che attendereINFO

PROGETTO MIELINA
Comitato Italiano Progetto Mielina
Ospedale Pediatrico Bambin Gesù
Piazza S. Onofrio 4
00165 Roma
Tel. 06 8086000 - Fax 06 8080978
SITO WEB: www.mielina.orgwww.myelin.org


Cincinnati, OH 45254-0759
Tel. (513) 752 6076 oppure (513) 752 7877
Fax (513) 752 9106
e-mail: myelinrs@dot-net.net

Antonella Prigioni - antonella@disabiliforum.com

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->