Menu

Tipografia

Buongiorno,
Sono un ragazzo di 27 anni, con invalidità civile al 75%, laureato in ingegneria meccanica, residente a Santa Maria Imbaro (CH).
Sono iscritto alle categorie protette l.68/99 presso il centro per l'impiego (CPI) di Lanciano (CH). Il Centro Ricerche Fiat con sede a Orbassano (TO) ha espresso l'intenzione di assumermi come ingegnere meccanico, ma essendo io disabile il processo di assunzione deve avvenire necessariamente attraverso il CPI (è corretto?).
IL PROBLEMA è che quando il Centro Ricerche Fiat ha richiesto il nullaosta per l'assunzione al CPI di Orbassano questo ha negato il rilascio affermando che io devo essere iscritto presso il loro CPI affermando che le categorie protette funzionano su base provinciale, quindi io dovrei fare un trasferimento dal CPI di Lanciano al CPI di Orbassano (dovrei fare un viaggio di 800km solo per effettuare questa operazione visto che l'iscrizione può avvenire solo recandosi fisicamente allo sportello, con un costo complessivo per le spese di viaggio di almeno 300€). Lei converrà con me che questa cosa è del tutto assurda   
LE CHIEDO è possibile in qualche modo bypassare l'iscrizione al CPI di Orbassano? il Centro Ricerche Fiat non può richiedere il nullaosta direttamente al CPI di Lanciano? oppure se io trasmetto all'azienda la relazione conclusiva rilasciata dall'INPS attestante le mie capacità residue e l'azienda allega tale documentazione in fase di richiesta del nullaosta al CPI di Orbassano non si dovrebbe risolvere il problema?
Le assicuro che questa situazione di stallo è SURREALE in quanto sia il CPI di Lanciano che di Orbassano che lo stesso Centro Ricerche Fiat non sanno cosa si può o non si può fare ne come risolvere la situazione, ma fatto più grave è che io non posso essere assunto solo a causa di un cavillo burocratico!
Spero che Lei riesca a darmi indicazioni esaustive su come procedere per risolvere la faccenda
Cordiali saluti
M.

La risposta dell'avv. Colicchia

Buongiorno M.;
come ben saprà le aziende sono tenute ad assumere i disabili e le categorie protette (ex  art. 18 legge n. 68/99) iscritti nello specifico elenco tenuto dagli uffici competenti della  Provincia. L’assunzione di disabili che non siano iscritti negli elenchi, infatti, non dà luogo all’assolvimento dell’obbligo. I soggetti elencati che risultino disoccupati e che aspirano a una occupazione conforme alle  proprie capacità lavorative, si devono iscrivere nello specifico elenco tenuto dagli uffici  competenti della Provincia.
In un’apposita scheda vengono annotate le capacità lavorative, le abilità, le competenze, le  inclinazioni, e la natura e il grado delle minorazioni, ciò al fine di favorire quanto più  possibile l’incontro fra domanda e offerta di lavoro.
La graduatoria è unica (è costituita cioè da un unico elenco di tutti coloro che aspirano a  trovare occupazione) e viene formata sulla base dei criteri forniti dalla Regione e dall’atto di  indirizzo contenuto nel DPCM 13 gennaio 2000.
Ovviamente si dovrà scegliere esclusivamente un unico territorio per l’iscrizione. Non ci si può iscrivere a due centri di collocamento diversi in diverse città. Infatti l’iscrizione all’elenco anagrafico è possibile solo nel Centro per l’Impiego competente per territorio, al proprio domicilio, che ai fini dell’iscrizione deve essere uno ed uno solo, anche se diverso dalla residenza. In caso di trasferimento del domicilio, la persona interessata deve presentarsi presso il Centro nel cui ambito territoriale è sito il luogo del nuovo domicilio, che si occuperà di trasferire la pratica relativa. Ogni comunicazione del Centro per l’Impiego sarà indirizzata al domicilio indicato dall’utente, il quale dovrà avere cura di comunicare al proprio Centro ogni eventuale variazione.
La invito a contattare tramite telefono, mail o raccomandata a/r l’ufficio competente e ad esporre dettagliatamente la sua situazione chiedendo eventualmente se esiste la possibilità di venirle incontro.

Spero di esserle stato di aiuto
Cordiali saluti
Avv. Roberto Colicchia
 
Studio Legale
Avv. Roberto Colicchia
Via Risorgimento Prol.,66  89135 - Reggio Calabria
Via G. Garibaldi, 118/c  91020 - Petrosino (Tp)
email   avv.robertocolicchia@tiscali.it
pec  roberto.colicchia@avvocatirc.legalmail.it

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->