Menu

Tipografia

Salve, sono C., ho 37 anni e dall'età di 19 anni sono paraparetica a seguito di un incidente stradale. La mia invalidità è pari al 75% e sono in possesso di una patente speciale. Vi espongo in breve il mio problema...due anni fa tra me e mio marito le cose non andavano più bene e lui si è allontanato da casa. Mesi dopo mi ha chiesto in prestito la mia auto (comprata e adattata per me e intestata a me, visto che abbiamo usufruito di tutte le agevolazioni del caso) per un breve periodo di tempo. A settembre diedi inizio alla separazione e ad ottobre lo denunciai per appropriazione indebita dell'auto. Ad oggi l'auto è ancora nelle sue mani ed io sto peggiorando a vista d'occhio in quanto mi gravo di pesi che non potrei portare (ho due bimbe piccole e tra zaini e spesa x me sta diventando un inferno) e non posso fare fisioterapia perché non ho chi mi può accompagnare. Sono stata anche ricoverata per l'aggravarsi della mia situazione fisica, ma ad oggi nessuno si muove. Lui usufruisce anche dei miei diritti, come il non pagamento del bollo. Mi dite cosa posso fare? Grazie

 

La risposta dell'avv. Colicchia


Egregia Signora;
 in effetti da quanto riferisce, nel caso prospettato, possono ravvisarsi gli estremi del reato di appropriazione indebita, ex art.646 c.p., sussistendo gli elementi costitutivi della fattispecie de qua ed una oggettiva separazione di fatto in famiglia.
Potrebbero poi, a mio parere, ravvisarsi nella condotta del signore anche gli estremi del furto aggravato (potrebbe procedere a mezzo denuncia).
Provvederanno di conseguenza gli agenti di polizia a disporre le misure necessarie, sia per la restituzione dell’autovettura sia per disporre le misure legittime sulla persona del responsabile.
Rileva, infatti, che Lei sicuramente sta avendo un danno enorme dal comportamento di tale persona, e ciò deve anche denunciarlo.
In ultimo e relativamente alle sue condizioni di salute sempre peggiori, le consiglio di avanzare domanda amministrativa per aggravamento e domanda amministrativa per accompagnatore.
Saluti
Avv. Roberto Colicchia.

 

Studio Legale
AVV. ROBERTO COLICCHIA
Via Risorgimento Prol. 66  89135 - Reggio Calabria
Via G. Garibaldi, 118 91020 - Petrosino (Tp)
Cell. 329.7014305  Fax  0965.037245
email   avv.robertocolicchia@tiscali.it

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->