facebooktwitterfriendfeed
Accedi

Accedi

Configuratore Carrozzina PROGEO
acceleratore al volante ghost
scooter per disabili byco
giochi bambini disabili
KIVI TOUR
disabili carrozzine elettroniche

PARCHEGGIO DISABILI: FINALMENTE ANCHE IN ITALIA IL PASS EUROPEO

contrassegno europeo disabiliIl 15 settembre entrerà in vigore il provvedimento con il quale il €˜contrassegno invali‑¬ o €˜tagliando arancione‑¬ verrà sostituito con il nuovo contrassegno europeo (parking card for disable people). A ufficializare la cosa, il Decreto n.151 del 30 luglio 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
Ricordiamo che ben quattordici anni fa il Consiglio Europeo suggerì di adottare un contrassegno per disabili comune, valido in tutti gli Stati Membri.

Con qualche anno di ritardo rispetto ad altri paesi europei, e dopo diversi inconvenienti occorsi agli automobiliti italiani all'estero, l’Italia seguirà la raccomandazione del Consiglio Europeo del 4 giugno 1998, adeguandosi.

Superato lo scoglio dovuto alla legge sulla privacy (articolo 74, comma 1 del Decreto Legislativo 196 del 2003), che poneva veti sull'anonimato e dati sensibili presenti nella versione europea del pass, si è giunti quindi a una definitiva risoluzione della questione, permettendo così alle persone disabili che si sposteranno con l'auto anche all'estero, di evitare spiacevoli inconvenienti come multe e ricorsi.

Per approfondire:

Testo integrale DECRETO


In disabili.com:

CONTRASSEGNO DISABILI: CONTRO I FURBETTI DEL PARCHEGGIO LA TECNOLOGIA DEL TUTOR PARK

PARCHEGGIO DISABILI: ANCHE IN ITALIA OK AL CONTRASSEGNO EUROPEO




REAS è la fiera leader in Italia per i settori di Emergenza di Protezione Civile, per il settore antincendio ed Emergenza di Primo Soccorso.
olmedo allestimenti auto per i disabili
acceleratore al volante ghost

Entra nella Community

             

Forum

DISABILI O PORTATORI DI DISABILITA'?

disegno che lega le lettere dal cervello alla bocca Anche la nostra bella lingua italiana, come tutte le belle lingue, presenta i suoi difetti, le sue zona d'ombra, le sue cattive interpretazioni: mi spiego.
Se io dico che una persona è: disubbidiente, disoccupata, disattenta, voglio indicare che è rispettivamente "priva" di obbedienza, occupazioone, attenzione.Di conseguenza, se mi si definisce "disabile", si dice che io sono "privo di abilità": ma io non ci sto a che mi si definisca in questo modo.... Continua sul FORUM