Menu

Tipografia


Completeranno i 114 chilometri conclusivi dell’itinerario, per un progetto “realmente abilitativo”

Partiranno domani, lunedì 5 settembre, per una esperienza del tutto nuova, tredici ragazzi autistici, alla volta del Cammino di Santiago de Compostela, del quale completeranno gli ultimi 114 chilometri. Ad accompagnare il gruppo, che partirà da Sarria per arrivare nel capoluogo della Galizia il 12 settembre, 31 persone tra volontari, professionisti e familiari.

Il progetto coinvolge tredici giovani provenienti da diverse realtà piemontesi, ed è realizzato dall’associazione Mulino Sambuy di San Mauro Torinese e patrocinato dalla Regione Piemonte, dalla Città Metropolitana, Asl Città di Torino, Asl To4, Città di Torino, Città di San Mauro, di Settimo e di Castiglione, vede la partecipazione anche dell’associazione Ri-Ciclistica Settimese, di Uisp Piemonte, di Angsa Torino, di Angsa La Spezia, della Cooperativa F.I.ABA, e della CooperativaAnimazioneValdocco e Insieme per Vincere Amici di Cinzia Onlus.
Il cammino, spiegano gli organizzatori, non sarà una settimana di vacanza, ma parte di un lungo training già iniziato ad aprile quando i ragazzi hanno preso parta ad allenamenti specifici. I partecipanti, infatti, verranno messi a confronto con situazioni per loro completamente nuove

gruppo di ragazzi e accompagnatori che intraprenderanno il cammino di santiago


Graziano Lomagistro, educatore professionale che ha coordinato il progetto nelle varie fasi di sviluppo, nonché volontario dell'associazione Mulino Sambuy, commenta così l’iniziativa: "Quello che stiamo realizzando è un progetto incredibile, perché parte dal basso e coinvolge direttamente tante realtà associative presenti sul territorio. E proprio il coinvolgimento di tutte queste realtà, il loro enorme entusiasmo, ha permesso alla fine che tutto ciò si realizzasse. È un progetto prezioso per i ragazzi, perché realmente abilitativo: finalmente, infatti, potranno ‘generalizzare’ apprendimenti in contesti esterni. La riabilitazione, così, sfruttando le risorse che offre la società, diventa vera abilitazione. Non è quindi una settimana di vacanza, ma parte di un lungo training già iniziato ad aprile quando i ragazzi hanno preso parta ad allenamenti specifici. Una volta completato il Cammino ci sarà poi un'importante restituzione che permetterà di dimostrare, con l'evidenza di dati scientifici, quanto a prescindere dal luogo questo tipo di iniziative permette concretamente di raggiungere obiettivi specifici, come una maggiore e più profonda inclusione delle persone con spettro autistico".

Il Mulino Sambuy di San Mauro Torinese, Onlus dal 2015, è un polo inclusivo per ragazzi autistici. Si occupa di divulgazione sul tema dell'autismo, di aggregazione e inclusione attraverso eventi culturali e soprattutto grazie all'agricoltura sociale (è una Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte) per offrire opportunità a persone svantaggiate.

Buon cammino, ragazzi!

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->