Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

POESIE
Giuseppe Pappone

MALATTIA

Il medico mi ha detto: “Lei non ha l’acidosi
è sano, ha un’ipervitaminosi
- meno male che non è pneumonoultramicroscopixilicovolcanoconiosi -
perciò si sposi:
avrà dei figli meravigliosi.”

Io gli ho risposto:
“Il matrimonio, ma come le dosi?”.
Lui: “A baci graziosi
non a progetti ambiziosi
né andirivieni pericolosi
né ritorni permalosi”.


RELIGIONE DUBBIOSA

Chissà cosa sarà
sarò invalido anche nell’al di là?
Starò male come qua?
San Pietro come mi accoglierà?
Oppure perplesso si chiederà:
“Ma questo in Paradiso ce la farà?”.

Che triste sorte.
Mi consolo: alle corte
mi sarà invalida pure la morte.


VIAGGIO IN MADAGASCAR

Prima o poi M’adda cascar
mentre esce dal bar
o quando và al mar
se poi si rialza
vuol dir che non si scalza.

Cadendo e sorgendo
coraggio e forza d’animo prendo:
il mio modo di fare difendo
ma se qualcuno non è d’accordo non mi offendo
ma i suoi criteri di vita sorprendo
finche l’anima non rendo.


LA PROFEZIA

Mia zia fece una profezia:
una donna che camminava nella via
diceva: “Questa vita è ria
s’è distrutta la dote mia
e il mio cammino sia
un mezzo che la pace mi ridia
così ritornerò pia.
Devo solo augurarmi che così sia”.

E camminando dove non c’era un tombino
cadde e la portarono dal becchino.
Perciò se vuoi essere sereno
sii sempre pronto a schiacciare il freno.


PRUDENZA

Attenti al lupo!
Evitate ciò che è cupo
Se no si cade nel dirupo.
Ditelo pure al pupo.

Se procedi con prudenza
non rischi la scemenza
ma getti la semenza
perché nasca la speranza.


RICORSO IN CORSO

Cerco un Ente
molto competente
per i problemi della gente,
non chi parla, parla e dopo non fa niente.

A tale effetto
andai dall’Avvocato dirimpetto:
“Ho un vero diritto
e ce l’ho pure scritto”.
“Si può dirimere la controversia in modo diretto”.
“E' da tre anni che c’è questo difetto
ma io nel frattempo sto senza tetto.”


L’AMMALATO IMMAGINARIO FA’ RIABILITAZIONE
(Discorso tra fisioterapiste)

Questa postura è un’ impostura
cioè una sua creatura.
Perciò attenta! Il paziente non mente
ma è abbastanza demente:
finge che non sente
ma poi si pente.
Quando apre la laringe*
è cervellotico e attinge
ai motti della sfinge
poi, senza ragione, piange.

* parla