Menu

Tipografia

Torna per la seconda edizione il Premio indetto da Diritti Diretti  volto a decretare il miglior servizio di comunicazione che promuove le belle storie di turismo accessibile. Disabilicom sarà mediapartner

Sulla scorta dei successi della prima edizione, l'Associazione Onlus Diritti Diretti, presieduta da Simona Petaccia, con l'Alto Patrocinio della Regione Abruzzo, il Patrocinio della Provincia di Chieti ed in Media Partnership con Disabili.com, è lieta di annunciare l'apertura della seconda edizione del premio “Turismi Accessibili - Giornalisti, Comunicatori e Pubblicitari superano le barriere”.

IL TURISMO ACCESSIBIE COME BUONA PRATICA - Le selezioni si sono aperte il 5 ottobre 2016 e dureranno fino al 5 aprile 2017, per permettere a qualunque giornalista, pubblicitario, esperto di media o comunicazione, agenzia o ufficio stampa, ente pubblico o privato che si sia interessato al tema, di presentare la propria candidatura: un'opera informativa che abbia consentito a tutti di poter conoscere positive esperienze di turismo accessibile in Italia.
Il tema è di grande tendenza, e anche se sappiamo che ancora molto c’è da fare su questo fronte, non mancano in Italia episodi di felice turismo che tengono conto delle esigenze di tutti i turisti e i viaggiatori. E’ ora quindi che se ne parli, che si diffonda – con strumenti  e competenze adeguati – quanto il turismo possa essere un settore in cui il cambio culturale si traduce in servizi di maggiore qualità per tutti.

PROFESSIONISTI AL SERVIZIO DELLA CULTURA - Lo scopo del Premio “Turismi Accessibili” è proprio quello, in primis, di premiare chi si occupa di comunicare in modo competente queste realtà, facendole conoscere alla collettività, e favorendo così l’accesso del turismo accessibile nell’agenda di istituzioni, organizzazioni pubbliche o private, imprenditori stessi. E questo compito di divulgazione  è affidato proprio ai paladini dell'informazione: «Diritti Diretti – spiega Simona Petacciacrede che soltanto grazie a professionisti della comunicazione che sappiano stuzzicare un'ospitalità per tutti i turisti si possa fare il tanto invocato 'salto di qualità'. La comunicazione del turismo accessibile non può più essere improvvisata da chi ha tanta solidarietà e poca competenza, perché il risultato sarebbe quello attuale: l'equivalenza tra turismo accessibile e risposta socio-sanitaria per persone con disabilità».
Non possiamo rischiare di parlarne qua e là, ogni tanto. I casi di buon turismo devono girare di bocca in bocca e di orecchio in orecchio!

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE - L'associazione raccoglierà le varie candidature al concorso fino al 5 aprile 2017. Queste devono essere inviate compilando l'apposito modulo online presente sul sito www.turismipertutti.it. Possono consistere in un articolo, un servizio, un video, uno spot, una campagna di comunicazione, etc: qualsiasi strumento informativo che possa contribuire a promuovere e divulgare enti o territori che si impegnano nella missione dell'accessibilità nel turismo.
Non è necessario parlare solamente di alberghi o strutture ospitanti, si possono raccontare casi di trasporto accessibile, tempo libero accessibile; qualsiasi attività turistica pensata e progettata per essere vissuta da ogni tipo di utente.
La partecipazione è gratuita. Al vincitore del concorso, decretato dal pubblico online, sarà dato un premio di Euro 1000,00; mentre l'opera scelta dagli esperti, e cioè dalla commissione di Diritti Diretti, riceverà una targa di riconoscimento.


Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il sito turismipertutti.it dove è disponibile il bando online o scrivere una mail a info@dirittidiretti.it.


In disabili.com

La prima edizione del premio


Redazione