Menu

Tipografia

La prima volta al Rifugio Battisti (RE) per un ragazzo disabile portato con questa carrozzina ci ricorda che la montagna può essere accessibile a tutti

Riflettendo sul tema vacanze disabili, l’accoppiata sentieri di montagna-disabilità motoria può sembrare bizzarra, ma non lo è così tanto. Sempre più spesso, infatti, inziano a vedersi sulle strade montane delle particolari carrozzine, le joelette, che consentono a chi ha una disabilità motoria di avventurarsi per i sentieri di montagna, facendosi trasportare sul terreno montuoso per cui sono appositamente progettate.

La joelette, ideata dall‘alpinista francese Joel Claudel, è composta da una ruota e una seduta alla quale sono attaccati due bracci che vengono tenuti dai trasportatori, che sono in genere  due o tre, posizionati tra la parte anteriore e posteriore, ed è dotata di sospensioni e freni.

E‘ grazie alla joelette che è stato da poco possibile raggiungere un rifugio che non aveva mai visto questo tipo di mezzo: il Rifugio Battisti, che si trova nella località di Lama Lite, a Ligonchio (RE).
Gli autori di quest'impresa sono i membri dell'Associazione GAST Onlus, un'associazione attiva a Reggio Emilia che promuove varie attività per ragazzi disabili e non, tra cui camminate in montagna. E‘ stato così che sabato 1 e domenica 2 settembre scorsi un gruppo composto da 24 persone (11 ragazzi, di cui uno su joelette, e 13 accompagnatori), si è spinto fino al Rifugio Battisti, che si trova nella località di Lama Lite, a Ligonchio (RE). Il gruppo si è avventurato per l'alta val Dolo: partendo dal rifugio segheria dell'Abetina Reale (Civago), con tre ore di cammino ha raggiunto a piedi il passo Lama Lite  e poi il rifugio Battisti, arrivando ad un'altezza di 1761 m.

Nell’entusiasmo generale, e nonostante la pioggia, è stata prima volta in cui una joelette ha raggiunto il Rifugio Battisti, grazie all’infaticabile lavoro di due accompagnatori che hanno trainato e spinto la carrozzina su e giù per i sentieri.

gast onlus montagna con joelette

Un po‘ alla volta questo mezzo alternativo che permette anche alle persone con disabilità motoria di partecipare ad escursioni e godere delle meraviglie della montagna sta prendendo piede: non solo privati, ma anche associazioni ed enti le acquistano per metterle a disposizione di associati, turisti ed appassionati. Qui segnaliamo alcune realtà che mettono a disposizione gratuitamente le joelette in montagna: di recente alcune carrozzine sono state acquistate dal Parco del Gran Sasso (AQ) che le concede in uso per le escursioni, così come fa anche l'Associazione PRONTISIPARTE, che mette aa disposizione gratuitamente la sua joelette.
Lo stesso ha fatto anche il CAI (Club Alpinistico Italiano) di La Spezia con il suo progetto "Un sentiero per tutti“.

Per le vostre segnalazioni su associazioni, enti o rifugi che mettono a disposizione le joelette per escursioni in montagna da parte di persone con disabilità, potete scriverci a redazione@disabili.com

Su questo argomento potrebbe interessarti anche:

Vacanze disabili in montagna

“Natura Senza Barriere”, le escursioni in montagna accessibili a persone con disabilità


Redazione