Menu

Tipografia

Per la serie "Spazio al turismo accessibile", una carrellata di informazioni utili e pratiche per visitare in carrozzina i monumenti più importanti della capitale tedesca

 


"Il mondo è un libro e chi non viaggia ne legge solo una pagina" diceva Sant'Agostino. Già, ma non sempre è semplice uscire alla scoperta del mondo, specialmente se si è costretti a farlo su una sedia a rotelle. Fortunatamente, sono sempre di più i luoghi resi accessibili a chiunque. La capitale europea più facilmente visitabile è sicuramente Berlino, tanto che, nel 2012, è stata premiata con l'Access city award, promosso dall'Unione Europea per sensibilizzare la cittadinanza. La città tedesca merita a pieno titolo quest'onorificenza, poiché, nonostante sia grande e densamente popolata, è perfetta per le esigenze dei disabili. I marciapiedi sono ampi, privi di ostacoli e dotati di molti scivoli. I mezzi pubblici, poi, di superficie e sotterranei, sono efficientissimi: trasportano in ogni angolo della città, sono frequenti e quasi tutti forniti di rampe per le carrozzine o i passeggini. Naturalmente, le linee metropolitane sono raggiungibili mediante ampi ascensori. Questo articolo si pone l'obiettivo di fornire qualche suggerimento per la visita delle principali attrazioni.

REICHSTAG - Una visita del centro storico di Berlino non può non cominciare da questo edificio, a tutti noto, oggi sede del Bundestag, il parlamento. Entrarvi non è un problema, essendoci un ingresso dedicato alle persone con difficoltà motorie. Inoltre vi è la possibilità, per chi ne fosse sprovvisto e la desiderasse, di affittare in loco una sedia a rotelle. Una volta all'interno, non resta che godersi la visita, potendo contare su molte rampe, che consentono l'accesso a tutte le zone, e affidandosi al personale, esperto e cortese, pronto a fornire spiegazioni e aiuti.

MITTE - Usciti dal Reichstag, la visita del centro storico, il Mitte, continua: si può ammirare l'imponente porta di Brandeburgo, attraversare il labirinto dello Holocaust Mahnmal e giungere nella grande Postdamer Platz. Dopo una breve sosta per guardarsi intorno, si riprende il viaggio fino al check-point Charlie. L'ideale sarebbe farsi una bella passeggiata, approfittando degli ampi marciapiedi, dotati di frequenti rampe. Nel caso, però, si preferisca ricorrere a un mezzo pubblico, si può contare sull'autobus 100, che, come il 200, fa un giro quasi completo del centro ed è ovviamente accessibile. Inoltre si ricorre, per arrivare al check-point Charlie, alla linea metropolitana U6, per scendere in Friedrich Strasse: anche in questo caso gli utenti in sedia a rotelle non avranno problemi. È sufficiente dotarsi di biglietto giornaliero.

MUSEUMSINSEL - Una visita a Berlino non può prescindere dal complesso museale che comprende, tra gli altri, il Pergamon Museum, noto a livello mondiale, se non altro per ospitare ciò che resta dell'altare dell'antica città di Pergamo. Per visitare questa "isola" (insel), è consigliabile prenotare online, quando ci si trova ancora in Italia, i biglietti, che sono giornalieri, su due giorni o su tre. In qualsiasi caso, è necessario allegare una copia del certificato di invalidità, che, se superiore al 50%, dà diritto a uno sconto del 50% sul prezzo. Non dimenticate, poi, di prendere le audioguide che, qui come quasi ovunque nella capitale tedesca, sono gratuite e molto esaustive.

CHARLOTTENBURG - Berlino, lo ribadiamo, è veramente grande e per visitarla bene sarebbe necessario molto tempo. Se, dopo aver visto tutto ciò di cui si è parlato finora, si ha a disposizione almeno ancora una giornata, vale la pena di non trascurare il castello di Charlottenburg. È l’antica residenza estiva dei re di Prussia: un sontuoso palazzo barocco fatto costruire dalla regina e moglie del re Federico I Sophie Charlotte. L’elegante edificio vanta una facciata lunga più di 500 metri, un grande parco circostante e delle sale interne magnificamente arredate. Ci si può arrivare comodamente con la metropolitana, linea U2, scendendo alla fermata Sophie Charlotte Platz. La parte di maggior impatto è sicuramente costituita dai magnifici ed enormi giardini, percorribili facilmente su una sedia a rotelle è visitabile gratuitamente, ma chi fosse curioso e volesse approfondire, potrà entrare senza temere la presenza di barriere architettoniche. In questo caso, è sempre bene non dimenticare di prendere l'audioguida, gratuita ed esaustiva. L'unico aspetto da tener presente per essere sicuri di godersi la giornata è il fatto che il castello apre alle 10.00 e chiude alle 18.00.

Dopo aver visto tutto questo, potrete considerarvi soddisfatti, anche se resterebbe ancora molto: per esempio tutti i musei relativi al periodo dalla Seconda Guerra Mondiale a oggi. Per il vostro soggiorno potrete scegliere tra le moltissime strutture perfettamente attrezzate per accogliere disabili.

Sperando di avervi fornito qualche spunto interessante, vi auguriamo buon viaggio, raccomandandovi di consultare il sito http://www.berlin.de/it/, molto chiaro e completo, che non manca di rimandare ai siti dei singoli luoghi di interesse, quasi tutti consultabili in inglese, qualora ci si trovi, come chi scrive, nell'impossibilità di farlo in tedesco.

 

In disabili.com:

Sicilia accessibile in carrozzina

Speciale turismo accessibile


Riccardo Supino