Menu

Tipografia

Saranno 256 i musei statali aperti, e gratuiti, ai disabili. Succederà per due giorni consecutivi, domenica 2 e lunedì 3 dicembre, in concomitanza con la Giornata Mondiale del Disabili. L'annuncio è stato fatto dalla fonte più autorevole: il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali retto da
Giuliano Urbani. La giornata è promossa dall'Onu e, in Italia, è curata dall'associazione Angeli.
In Italia «Siamo in grande ritardo - per ammissione stessa del Ministro - perché i musei statali sono solo una piccola parte dei 3.500 istituti museali italiani». «Ora è il momento di muoversi in fretta - ha proseguito Urbani - cercando modalità nuove per l'accesso ai musei e luoghi d'arte, sia, ad esempio, con aperture a richiesta e con un ampio calendario di visite sia sforzandosi per eliminare
le barriere architettoniche».
Certo è che non sarà facile, vista l'annosa questione dei monumenti del patrimonio artistico nazionale, per legge vincolati alla non ricettività. Per la gestione affidata a strutture privatistiche dei musei, provvedimento contenuto nella finanziaria che ha fatto molto discutere nelle scorse settimane, Urbani ha detto che chi otterrà gli appalti avrà l'obbligo di favorire l'accesso ai disabili, riducendo o abbattendo le barriere architettoniche.
In molti paesi europei, esistono musei attrezzati per essere visitati da non vedenti, sordi o disabili motori. In Italia gli esempi sono pochissimi. La speranza è che la situazione cambi in fretta.

Per maggiori info:
Associazione Angeli onlus, Salita del Grillo, 17 - 00186 Roma tel. 06
69923830 - fax 06 69925204.
E -mail angeli@angeli-onlus.net

Sul sito internet www.angeli-onlus.net si può consultare l'elenco di tutti i musei aperti.