Menu

24
Dom, Ott
27 Nuovi articoli
Tipografia
PARALIMPIADI
logo paralimpiadi tokyo 2020


EQUITAZIONE PARALIMPICA



Nei Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 si prevede solo la disciplina equestre del paradressage, secondo gli stessi principi e regolamenti della disciplina Olimpica, ma con atleti classificati in base alla propria abilità fisica.
Il paradressage può essere praticato da atleti con disabilità fisica, ipovedenti o non vedenti, che sono raggruppati in “gradi” in base ai livelli di abilità funzionali simili. Sulla base di questa classificazione, partecipano a gare di diversi livelli di difficoltà (dal grado 1 che riunisce atleti con importanti disabilità, fino al grado 5, decresendo).
In gara ogni cavallo esegue una successione di movimenti, chiamata ripresa, uguale per ogni binomio partecipante, codificati in funzione della difficoltà.
Solo nelle riprese di freestyle la successione dei movimenti è specifica per ogni singolo binomio e l’esecuzione è accompagnata dalla musica. Coreografia e musica sono studiate dal cavaliere in funzione
delle caratteristiche del proprio cavallo e sono valutate dalla giuria insieme agli aspetti tecnici della stessa ripresa.


Torna allo speciale Paralimpiadi
Vai allo speciale Paralimpiadi Tokyo 2020