Menu

Tipografia

Si fa presto a dire "maratona".
Ma se poi puoi mettere assieme buon livello tecnico, andamento altimetrico vantaggioso, pavimentazione veloce, blindatura completa del percorso, gran cornice di pubblico, logistica accurata, allora quella maratona diventa un evento di successo. E' il caso della Maratona del Santo, che per la terza volta consecutiva si onora di ospitare il campionato italiano disabili CIP di specialità, la quarta volta negli ultimi 5 anni.
E se il contorno è ottimo, i risultati non possono mancare: i tre record mondiali ottenuti sul tracciato Vedelago (TV) - Padova nell'edizione 2005 sono un ottimo viatico, per gli oltre 100 atleti disabili attesi il 23 aprile.

Atleti che arrivano dall'Italia, ma anche da tutta Europa, con addirittura due maratoneti dal Giappone.
Alla presentazione è Alvise De Vidi, 13 medaglie paralimpiche, a spiegare questa presenza: "la voce della bontà della maratona del Santo si sta spargendo velocemente, è stato facile convincere atleti stranieri a venire a provarla. I due giapponesi saranno a Padova per ottenere il tempo minimo che permetterà loro di partecipare ai mondiali di fine settembre in Olanda".
Internazionali sono il 20% dei disabili al via, contro il 10% dei 5mila normodotati. Dice Francesco Peghin, presidente Assindustria Sport Padova: "anche a New York sono un centinaio gli atleti diversamente abili, come pure a Berlino: ma bisogna leggerli in proporzione alle 40mila persone che corrono in quelle maratone".

Coinvolto nell'accoglienza e nel garantire la sicurezza del percorso tutto il territorio. Inusuale l'appello che arriva dagli organizzatori, ma che rende l'atmosfera che si respira sulle strade: "chiediamo ai supporters e alle persone che seguono la maratona di moderare l'entusiasmo. Rischiano di compromettere le gare degli atleti, mettendone a rischio la sicurezza".
Tutto bene insomma, o quasi. Una protesta formale sta per essere inoltrata alla Rai, firmata dall'organizzazione e dai partner istituzionali. Perché la Maratona del Santo è l'unica tra le 8 maratone top italiane a non essere trasmessa.
Per un tracciato che riunirà assieme il campionato Italiano Disabili e il Campionato Italiano Assoluto di Maratona sembrerebbe cosa ben fatta.

INFO:

Il sito ufficiale della Maratona del Santo

Leggi gli articoli che abbiamo dedicato alle precedenti edizioni:
LA MARATONA DEL SANTO HA DUE RE E UNA SPLENDIDA REGINA

PRIMATI MONDIALE E ITALIANO ALLA MARATONA DEL SANTO

TORNA LA MARATONA DEL SANTO, CON ATLETI PARA, TETRA, IPO E NON VEDENTI


[Alberto Friso]