Menu

Tipografia

Molto attiva la Regione Emilia-Romagna, non solo sul fronte degli atleti, ma anche su quello di dirigenti e allenatori. L'ultima iniziativa in ordine di tempo è un corso per tecnici di Torball e Goalball, discipline sportive per non vedenti, che si terrà dal 26 al 29 settembre a Miramare di Rimini, aperto a tutti i maggiorenni a livello nazionale.

Disabili-com: gioco del torball

Si tratta di due discipline riconosciute dal Comitato Internazionale dei Giochi Paraolimpici, e che, purtroppo solo all'estero, godono di grande popolarità. Il torball è un gioco con il pallone per donne e uomini non vedenti o con handicap visivo che si disputa tra due squadre di tre giocatori ciascuna. Il campo è rettangolare, solitamente quello di una palestra, e lungo ciascuna linea di fondo viene installata una porta. Il torball si gioca con una palla rumorosa, che deve essere lanciata al di sotto delle tre funi tese sopra il campo di gioco. Lo scopo è quello di colpire il pallone in modo che oltrepassi la linea di porta della squadra avversaria, che ovviamente cerca di impedirlo.

Disabili-com: gioco del torball

Simile il goalball, con due squadre di tre giocatori ipovedenti (a livello internazionale sono ammessi solo i non vedenti). Una partita ha la durata di 14' (due tempi da 7);  la palla, chiamata appunto "goalball", pesa poco più di un chilo per 76 centimetri di diametro, e contiene dei sonagli. L'obbiettivo è fare goal, facendo rotolare questo pallone. Gli atleti (un centro e due ali per squadra) sono dotati di protezioni per gli occhi e di gomitiere e ginocchiere per le eventuali cadute. Il goalball è stato inventato nel 1946, da un tedesco e un austriaco, e fu molto usato dopo la seconda Guerra Mondiale per la riabilitazione dei feriti. Dal 1976 (in Canada) fa parte dei Giochi Paraolimpici, e nel '78 si tenne il primo Mondiale (in Austria).

Tornando al corso, avrà una durata complessiva di 24 ore, e si terrà all'Hotel Ascot di Rimini, con la collaborazione del Centro Pilota di Reggio Emilia. Tutti i corsisti, se non lo hanno già fatto, verranno tesserati per la Fisd al momento dell'iscrizione (18,08 euro). Il giorno dell'esame i partecipanti dovranno consegnare un elaborato (che potrà essere un video, una tesina, ecc…) secondo le indicazione dei tecnici docenti. Al termine verrà consegnato il brevetto Fisd, valido sul territorio nazionale. Le adesioni dovranno pervenire entro il 27 luglio (120 euro l'iscrizione al corso, 180 euro la quota per l'albergo). Per avere ulteriori informazioni, scrivere al Comitato Regionale o telefonare allo 0523-315303.