Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

Per dirla in una parola: fantasmagorica. La Cerimonia ufficiale di apertura dei XIX Giochi Nazionali Estivi di Special  Olympics Italia non ha disatteso le aspettative ed è stata un piccolo grande evento in cui volti, sorrisi e tanto calore umano si sono miscelati creando atmosfere magiche. La manifestazione di Caorle, ha mostrato il volto autentico del movimento internazionale che lavora accanto alle persone con disabilita’ mentale per promuoverne l’inserimento nella societa’.  “Che io possa vincere, ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze” è il giuramento che ha pronunciato Silvia Pavanetto con voce ferma e con il volto illuminato dall’orgoglio di essere protagonista, insieme agli altri 1500 Atleti speciali venuti da tutta Italia, di un evento straordinario. I Giochi Nazionali, infatti, sono l’unica iniziativa di questo tipo e di queste proporzioni dedicata interamente al mondo della disabilita’ mentale in Italia e puntano all’impatto: e’ affidata alla forza dei numeri la potenza del messaggio sociale di cui questa organizzazione internazionale e’ portatrice. Questo l’obiettivo centrato con questo evento perche’ non e’ certo fatto comune vedere organizzata una manifestazione che coinvolge quasi cinquemila persone tra Atleti, volontari, tecnici, familiari e accompagnatori. La Torcia Olimpica portata dall’Atleta speciale Maurizio Dal Bello, un friulano con grinta da vendere che ha corso la Maratona di Roma piazzandosi tra i primi 3000, ha fatto il suo ingresso trionfale nello stadio accompagnata dagli atleti dei Gruppi sportivi delle Fiamme Oro e dei Carabinieri di Bologna ed ha raggiunto il tripode che e’ stato acceso solennemente. Nel drappello di tedofori, accolto dal pubblico entusiasta, era anche Carlo Durante, ipovedente e campione nazionale della corsa.  Sara  Simeoni era presente alla cerimonia come testimonial insieme ad Alessandro Argenton, olimpionico di Roma ’60. Zita Peratti, nella sua veste di tecnico nazionale della Ginnastica, ha letto il giuramento degli ufficiali di gara, una novita’ introdotta quest’anno nella manifestazione a testimonianza di una coralita’ con cui si esprime l’insieme dell’organizzazione e delle varie strutture che compongo il complesso mondo di Special Olympics. La partecipazione popolare alla manifestazione, molto nutrita e sentita, e’ stata la migliore testimonianza dell’accoglienza che le citta’ hanno riservato alle persone speciali e alle loro famiglie e accompagnatori. Aspetto, questo, che e’ stato sottolineato anche dal presidente Alessandro Palazzotti nel suo saluto introduttivo. Accanto a lui erano presenti, tra gli altri, le autorita’ locali, l’Assessore regionale Antonio De Poli, il presidente della Fisd Luca Pancalli, il presidente del Coni provinciale di Venezia  Gianluigi Levorato. E’ stato il nuovo sindaco di Caorle Marco Sarto che insieme al primo cittadino di Portogruaro Gastone Rabbachin ha proclamato ufficialmente l ‘apertura de Giochi.

La Banda Musicale cittadina “Marafa Marafon” di Caorle e i gonfaloni dei comuni dell’Host Town hanno aperto la sfilata, seguiti dalle delegazioni regionali, dalle rappresentanze dei giudici di gara e dei tecnici. Le autorita’ locali e nazionali, anche del mondo dello sport, hanno onorato con la loro presenza e con i loro messaggi gli Atleti e tutto il pubblico, foltissimo, presente sugli spalti e nel campo.  Esibizioni di danza contemporanea dei gruppi  “D’amoredanza” e “Piroette e baci di piccole donne danzanti”, esecuzioni di brani musicali del coro Arcobaleno di Caorle hanno colorato la serata. Particolarmente emozionante e’ stata e l’interpretazione di Monica Zanon, in prima nazionale, del brano “Un piccolo mondo vero” di Peppe Lanzetta e Massimo Severino. Il brano e’ stato inserito insieme ad un'altra canzone dedicata a Special Olympics, “Chance” in un Cd inciso in occasione di questo evento grazie all’intervento fattivo della Provincia di Venezia ed e’ stato distribuito al pubblico presente.  Si e’ conclusa in grande stile la manifestazione di avvio con le acrobazie dei trampolieri e con lo spettacolo pirotecnico finale, lanciando un incitamento agli Atleti a dare il meglio di se stessi sui campi e nelle competizioni.

 

INFO

UFFICIO STAMPA

TIZIANA BARTOLINI 339/5364627