Menu

Tipografia

L'edizione 2002 della Maratona di Sant'Antonio, fissata per il 28 aprile 2002 a Padova, assegnerà i titoli italiani della categoria disabili.
Già nel 2001 la Maratona aveva promosso una campagna di sensibilizzazione sul tema Sport&Disabilità, ulteriormente potenziata in questa seconda edizione che, grazie al riconoscimento ottenuto dalla Federazione Italiana Sport Disabili, varrà quale Campionato Italiano Disabili.
Lungo il percorso da Vedelago a Padova, infatti, si assegneranno i titoli italiani delle categorie tetraplegici, paraplegici e non vedenti. 
La decisione è stata comunicata ufficialmente nella sede di Unindustria Padova, alla presenza di Antonio De Poli, Assessore alle Politiche Sociali della Regione Veneto, Marco Marin, Assessore ai Servizi Sociali della Provincia di Padova, e Francesco Peghin, Presidente del Gruppo Giovani Industriali. L'organizzazione sarà curata anche quest'anno da Silvana Santi e dallo staff di Assindustria Sport Padova.
Presentazione del Campionato Italiano disabili 2002 a parte, è stata consegnata ad Aspea, società padovana leader in Italia nello sport per disabili, una carrozzina da corsa acquistata grazie alla raccolta fondi promossa dal GGI in occasione di una serata natalizia di beneficenza, carrozzina che verrà utilizzata da Roberto Brigo (detentore del primato italiano di 400, 800 m e mezza maratona).
Degna di nota anche la presenza dei testimonial sportivi: Francesca Porcellato, vincitrice della scorsa edizione della New York City Marathon, Alvise De Vidi, campione pluri-olimpionico (tre ori, un argento e un bronzo alle Para-Olimpiadi di Sidney del 2000), Carlo Durante, ex primatista mondiale della categoria non vedenti, e i due campioni dell'Aspea Padova Roberto Brigo e Antonella Munaro, entrambi classificati al secondo posto nella edizione 2001 della Maratona di New York.

La Maratona di Sant'Antonio viene dunque ad assumere una sempre maggior importanza a livello nazionale.
Alla partenza sono attesi quest'anno un centinaio di atleti disabili, il più alto numero registrato fino ad oggi in Italia. Ci si aspetta anche una grande partecipazione di pubblico: l'anno scorso più di 40.000 persone.
Come ha ribadito Francesca Porcellato, la Maratona di Padova non presenta particolari difficoltà tecniche, per la presenza di pochissime curve, di altimetria favorevole e per "un manto stradale che sembra l'autodromo di Monza".
Tutte condizioni di cui i nostri atleti non hanno invece goduto nell'edizione americana. E chi meglio di lei può dirlo, visti i tempi ottenuti nelle due Maratone in cui è risultata vincitrice: nella passata edizione della "classica" padovana ha migliorato il primato italiano (che già deteneva) di oltre cinque minuti, correndo in 1h44'35'', mentre a New York ha impiegato 2h11'57''.

 
In prima fila da sinistra a destra: Alvise De Vidi, Roberto Brigo, Antonella Munaro, Francesca Porcellato;
In seconda fila da sinistra a destra: Antonio De Poli (assessore alle Politiche Sociali della Regione Veneto), Carlo Durante, Francesco Peghin (presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Unindustria Padova)

Per ulteriori info:

Ufficio Stampa Maratona S. Antonio
Tel. 049/8227528-114
Fax 049/8227126
e-mail info@maratonasant-antonio.com