Menu

Tipografia

FISH chiede alle famiglie di compilare online un sondaggio sulla reale inclusione scolastica dei bambini disabili a scuola

Come abbiamo avuto modo di raccontarvi, da che l’anno scolastico è iniziato, anche questo ritorno a scuola si è contraddistinto purtroppo per problemi  che ricadono sugli alunni con disabilità.
I principali punti critici che si sono registrati sul fronte scuola disabili riguardano soprattutto ritardi nell’assegnazione di insegnanti di sostegno, problemi o assenza di assistenza igienica,  oltre alla mancanza di assistenti alla comunicazione per alunni e studenti con disabilità.

La situazione è stata recentemente denunciata anche dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che quotidianamente raccoglie segnalazioni che dimostrano come l’inclusione scolastica di fatto sia ancora lontana. Roberto Speziale, Presidente Nazionale Anffas, denuncia: “(…) Da più parti le nostre famiglie ci segnalano la mancanza di assistenti all’autonomia ed alla comunicazione adeguatamente formati sulle diverse disabilità e l’assenza di informazioni in merito a come, quando e per quali interventi gli stessi saranno assegnati. Moltissime famiglie oggi ancora non sanno chi sarà l’insegnante di sostegno assegnato alla classe che frequenta il proprio figlio e se le ore indicate nel PEI saranno o meno garantite. I servizi di trasporto sono lungi dall’essere attivati. Risultano non essere pienamente garantiti neppure i primari servizi per l’assistenza di base e l’igiene personale. Le barriere architettoniche e sensopercettive non risultano del tutto eliminate ed i problemi di sicurezza, anche in caso di calamità, continuano ad essere drammaticamente presenti”.

Il pressing delle associazioni con il Ministero dell’Istruzione si fa quindi più importante, affinchè il diritto alla scuola sia reale per tutti - bambini con disabilità inclusi. Proprio per capire qual è la realtà vissuta dalle famiglie con alunni e studenti disabili in questi giorni di inizio scuola, e avere in mano esperienze concrete, la FISH ha lanciato, anche con il supporto tecnico di ANGSA, un sondaggio online, sul tema della reale inclusione scolastica.  I dati che verranno raccolti dalla compilazione da parte delle famiglie serviranno non tanto  a fini statistici, quanto pittosto per confrontarsi, dati alla mano, col Ministero.
Chi volesse partecipare al sondaggio, può farlo online ed in forma anonima qui.


Potrebbe interessarti anche:


Inclusione scolastica: come vivono le famiglie i primi giorni di scuola? La parola alle mamme

Sostegno disabili: come richiedere posti in deroga
 
Alunni con disabilità, scuola e sostegno: qual è il ruolo del personale ATA?


Redazione