Menu

Tipografia

Stephen HawkingIl software, ora scaricabile gratuitamente, potrà permettere ad altre persone immobilizzate da gravissime disabilità di comunicare tramite i movimenti facciali

 

Dalle app per disabilità, alla mano bionica, al suono da “toccare”, molti sono i progressi tecnologici che ogni giorno apportano innovazioni soprattutto in campo medico, come pure nell’assistenza alle persone con disabilità, migliorandone le condizioni di vita.

 

Una delle difficoltà che questo progresso si trova come eredità può essere però l’accesso a queste tecnologie, appannaggio talvolta solo di pochi. Sono quindi da salutare con favore le notizie come questa che arriva dagli Usa, e che vede come protagonista la società Intel, che ora ha reso gratuito e aperto a tutti il software chiamato “assistive context-aware toolkit”, in sigla A.c.a.t. Si tratta del sistema utilizzato per comunicare dal celebre fisico Stephen Hawking, affetto da una grave atrofia muscolare progressiva che lo costringe all’immobilità praticamente assoluta.

 

Il sistema si avvale di una telecamera, o sensore ad infrarossi, che converte la mimica facciale in comandi da impartire al computer rendendo accessibili la navigazione su internet e l’utilizzo di vari programmi, ma punto centrale è un software predittivo che sfrutta una tastiera virtuale per compilare le frasi “guardate” da Hawking e suggerirne il seguito, dando di fatto voce ai suoi pensieri.

 

L’azienda ha deciso rendere pubblico il software, permettendo ad altri sviluppatori di modificare il codice per migliorarlo e adattarlo alle esigenze di altre persone affette da Sclerosi Laterale Amiotrofica o altre patologie gravemente invalidanti, dando così la possibilità a moltissime altre persone di accedere a questa tecnologia che potrebbe di certo migliorarne le condizioni di vita.

 

Disponibile soltanto per Windows dalla versione 7 in poi, Acat è ora distribuito sotto la Apache License versione 2.0. Il download gratuito si può effettuare dalla pagina dedicata su GitHub, mentre Intel ha caricato online una serie di risorse e documenti utili, tra cui filmati con esempi sul funzionamento dei sensori e una guida utente completa e dettagliata, per ampliare le potenzialità del sistema.

 

Qui sotto, un video che mostra come funziona il sistema utilizzato da Stephen Hawking

 


In disabili.com:


Braille: l’idea italiana che facilita la stampa e fa community

Mobilità, postura, accessibilità: alcuni ausili che migliorano la vita quotidiana

 

Redazione