Menu

Tipografia

ragazzo con smartphone sugli occhi Attraverso una connessione audio-video, la app mette in comunicazione la persona cieca con un volontario che leggerà per lui l'ambiente inquadrato 

Una persona cieca o ipovedente, lo ricordiamo, può fare in autonomia moltissime cose: andare al lavoro, a scuola, cucinare…ma per alcune cose, alcuni dettagli, alcune situazioni, può essere necessario l'aiuto di qualcuno. "Sarò i tuoi occhi": quante volte, accompagnando una persona non vedente o ipovedente, abbiamo esordito così? Perché, alla fine, essere "guide" è proprio questo: scandagliare l'ambiente, registrare eventuali ostacoli e darne comunicazione a chi, quegli ostacoli, non li riuscirebbe a captare. Approfittare quindi della compresenza per prestare la nostra vista per dare indicazioni di quegli elementi solo visivi dell'ambiente che condividiamo, e che la persona cieca non sarebbe in grado di recepire.

Che cosa fare però quando ci si trova da soli, magari al supermercato con una confezione di cui non si riesce a leggere la scadenza, o davanti ad un portone, con una sfilza di campanelli non in Braille? Cosa fare se in quel momento non passa nessuno a cui poter chiedere di "prestarci gli occhi"? Un aiuto adesso potrebbe arrivare dalla tecnologia, e in particolare dallo smartphone.
Un gruppo di sviluppatori danesi ha infatti messo a punto una app che aiuta, nella sostanza, a mettere in comunicazione una persona non vedente con una vedente che, attraverso la telecamera dello smartphone, sia in grado di aiutarla, vedendo o leggendo per lui  quello che inquadra. Utilizzando la videocamera del cellulare si potrà mostrare alla persona all'altro capo del telefono l'ambiente o l'oggetto o la situazione che si vuole decifrare. Dall'altro capo, la persona darà quindi le indicazioni, sempre attraverso il telefono.

La cosa interessante di questo sistema,  che si chiama BeMyEyes,  è che si basa sulla collaborazione reciproca tra utenti che non si conoscono. Il database di "occhi" è infatti formato da volontari che si sono registrati al sistema della app, e che a seconda della disponibilità nel momento in cui l'utente chiede aiuto, rispondono. Non si tratterà quindi di chiamare un amico, un parente o un conoscente, ma di attivare la app e ricevere l'aiuto da chiunque, tra i volontari, sia disponibile in quel momento, il quale verrà messo in comunicazione tramite una connessione audio-video. E' evidente che, basandosi sull'appoggio reciproco, più saranno i volontari registrati, più questa app potrà essere realmente d'aiuto.

Per il momento BeMyEyes è scaricabile gratuitamente su App Store, ed è utilizzabile quindi solo su iPhone, anche se gli sviluppatori sembrano interessati ad aprire nel prossimo futuro anche ad Android. E' disponibile in dieci lingue, tra cui l'italiano, anche se va detto che per adesso la maggior parte dei volontari parlano inglese.  Per accedere alla app è sufficiente scaricarla sul proprio telefono cellulare, registrarsi secondo la prorpia categoria (volontario vedente o utente non vedente) e secondo le lingue parlate.

A pochi giorni dal lancio BeMyEyes ha già riscontrato un grande successo, con oltre cinquantamila registrazioni di volontari pronti a dare assistenza. Segno che la solidarietà si adegua alla tecnologia, ma non passa di moda. E questa è un'ottima notizia.

 


Per info:

http://www.bemyeyes.org/

IN DISABILI.COM:


LAVORO E DISABILITÀ VISIVA: NON METTETECI SOLO AL CENTRALINO

CUCINARE E NON VEDERE: LA VOLONTA' E' UN INGREDIENTE ESSENZIALE

Speciale app

Redazione