Menu

Tipografia
carrozzina con pannelli solariA partire dall'idea di un disabile turco, un gruppo di studenti dell'Università della Virginia sviluppa il prototipo della prima carrozzina che si alimenta con pannelli solari

"Quando uso la carrozzina motorizzata la carica è un grande problema per me. Per questo motivo vorrei una sedia a rotelle che funzioni ad energia solare, così potrei andare liberamente ovunque senza preoccuparmi di quanta batteria utilizzo. Se questo progetto verrà realizzato risolverà un problema importante per noi disabili".

Sono parole di Alper Silvan, il disabile con una paralisi cerebrale proveniente dalla Turchia che per primo ha proposto l'idea di una carrozzina elettrica funzionante ad energia solare. Alper ha pubblicato la sua idea on-line e questa è piaciuta ad un gruppo di studenti della Facoltà di Ingegneria e Scienze Applicate dell'Università della Virginia che ne ha sviluppato un prototipo.

IL PROTOTIPO - La sedia a rotelle progettata dal team americano è dotata di un tetto formato da pannelli solari per una superficie di mezzo metro quadrato che permettono al mezzo di funzionare anche in condizioni nuvolose. Oltre alla maggiore eco-compatibilità il vantaggio della sedia a energia solare è che permette con una carica piena un'autonomia di 4 ore e mezza a 8 km orari, con un incremento medio del 40% della durata rispetto alle batterie delle sedie attualmente in circolazione.

Il prototipo è stato realizzato utilizzando materiali robusti ma leggeri e ha un interruttore in stile joystick, cintura di sicurezza, braccioli, poggiapiedi e seduta regolabile. Nello sviluppo non si è pensato solo alla funzionalità ma anche al comfort. Per questo i pannelli solari sono retrattili come i tettucci delle auto sportive decapottabili e sono state predisposte prese USB utili per ricaricare gadget elettronici come smartphone, navigatori GPS o ventilatori portatili.


IL PREMIO - La carrozzina ad energia solare è stata presentato alla prima edizione del World Cerebral Palsy Day, un'iniziativa mondiale che finanzia invenzioni nell'ambito della disabilità cerebrale, e il cui motto è "Idee per il cambiamento". Il progetto ha ricevuto più di 5.800 voti da una giuria pubblica ed è risultata come una delle migliori idee tra oltre altri 473 progetti valutati. Per questo il team ha ottenuto un premio di 20.000$ che potranno essere utilizzati per sviluppare e incrementare il prototipo e renderlo commercializzabile. I fondi che avanzeranno saranno invece restituiti come donazione all'ente promotore del concorso.

IN DISABILI.COM:

Speciale CARROZZINE DISABILI

UNA CARROZZINA AD ENERGIA SOLARE PER ATTRAVERSARE IL DESERTO


Redazione