Menu

Tipografia

 pellicola di film avvolto su bobina

La nuova implementazione dell'app  MovieReading è stata realizzata in partnership con Blindsight Project

Al cinema in piena autonomia anche se non vedi o non senti nulla? Da oggi, e per la prima volta al mondo, è possibile, grazie a MovieReading che, in collaborazione con Blindsight Project, ha completato MovieReading, l'applicazione per smartphone o tablet che già permetteva di scaricare i sottotitoli di film in prima visione e che da oggi finalmente rende disponibili anche le audiodescrizioni!


MovieReading nasce dall'esperienza di un gruppo di persone, impegnate a vario titolo nel campo della sottotitolazione e della disabilità ed è l'invenzione che rivoluzione il concetto di offerta e fruizione dei sottotitoli stessi. La potenza di MovieReading è infatti quella di funzionare in qualsiasi cinema, dal multisala da 20 schermi fino al più piccolissimo cinema, senza che i gestori delle sale cinematografiche debbano modificare le loro apparecchiature. Per provare MovieReading sarà sufficiente installare l'applicazione sul proprio cellulare o tablet con sistema operativo iOS o Android, scaricare i sottotitoli del film desiderato e, una volta in sala, avviare l'applicazione.


Così come supporta i sottotitoli, MovieReading è un sistema che può fornire anche le audiodescrizioni, sincronizzando perfettamente l'audio dell'audiodescrizione con il film originale che state guardando al cinema. Tutto questo può avvenire semplicemente collegando gli auricolari al vostro telefono o tablet, dopo aver scaricato la traccia dell'audiodescrizione del film.


L'applicazione con le audiodescrizioni, disponibile a breve su Google Play e iOS, è stata testata e approvata dalla Blindsight Project, partner di MovieReading in questa iniziativa.


"È la prima volta al mondo - dichiara con legittima soddisfazione Laura Raffaeli, cieca assoluta e presidente di Blindsight Project - che il cinema non discrimina nessuno, e solo grazie all'impegno di italiani: personalmente, combatto da anni e abbatto barriere sensoriali, ma sono stanca di pregare le Istituzioni per far riconoscere un diritto umano, quale quello di essere autonomi anche se non si vede o non si sente e quindi di avere finalmente accesso libero alla cultura e allo spettacolo. Grazie quindi a MovieReading, in cui ho creduto da subito sia come persona cieca che come presidente di categoria, si intraprende davvero quel famoso percorso di integrazione per cui è già stato speso troppo denaro inutilmente, come dimostra la totale assenza di accessibilità nello spettacolo e anche nella cultura, giustificata dal fatto che non c'è ancora nessun obbligo per questo, dimenticando, però, che l'Italia ha comunque ratificato la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità ".


"Il cinema - conclude la Raffaeli - che a detta di tutti è in crisi, dovrebbe considerare milioni di persone che sono tagliate fuori dalle sale cinematografiche per l'inaccessibilità , e le Istituzioni dovrebbero promuovere e premiare le nuove tecnologie made in Italy qual è il MovieReading, una semplice App che rivoluziona la vita delle persone con disabilità sensoriale, ma che rivoluziona l'idea stessa che molti hanno della disabilità : è l'autonomia che porta all'integrazione, non l'assistenzialismo. Blindsight Project è molto orgogliosa di aver contribuito alla nascita di una così grande opportunità per questa nazione, ancora tanto in ritardo con l'abbattimento delle barriere, e non solo".


PER INFO:

www.moviereading.com/
blindsight.eu/


IN DISABILI.COM:

L'IMMAGINE RACCONTATA: SEMINARIO SULL'AUDIODESCRIZIONE

AL ROMAFICTIONFEST PROIEZIONI ACCESSIBILI CON BLINDSIGHT PROJECT


Alessandra Babetto