Menu

Tipografia

Nuovo brevetto per Tecnothon, il laboratorio di ricerca tecnologica della Fondazione Telethon. E' "unBagnoperTutti", presentato in questi giorni, e realizzato con la collaborazione dello studio TamAssociati.

Approfondiamo un po' la notizia, ne vale la pena.
UnBagnoperTutti. Detta così sembra semplice, senza tanti nomi speciali.
Si tratta di un servizio igienico completamente accessibile.
Voi direte: ma i bagni che in genere sono segnalati come "per disabili" non sono forse già a posto? Proprio qui il punto. La risposta è "no". Come ben sa chi ha un minimo di sensibilità in tema di diversità, le minori abilità non sono tutte uguali. E non si identificano completamente (anzi...) con la situazione del paraplegico in carrozzina. Bene, i servizi igienici come da normativa non rispondono alle esigenze di tutti, ma solo di alcuni. Dividendo comunque i "diversi" dagli altri. Negli ambienti pubblici quindi si trova il bagno per le donne, quello per gli uomini, e quello per i diversi. Per capirci meglio seguiamo questa testimonianza, di una persona che si è posta il problema collaborando alla progettazione di un bagno per tutti:

"Secondo me è come una piramide: c'è la persona con più disabilità di tutti. Se noi riusciamo ad avere un bagno accessibile per quella persona riusciamo ad avere un bagno per tutti. I normodotati sono la massa e salendo si affrontano tutti tipi di problemi fino a giungere al problema dell'apice".

"Disabile è una categoria enorme di persone, il cosiddetto disabile "non vistoso": la donna con bambino, il cardiopatico, che non lo vedi, però lo è, perché non può fare degli sforzi particolari, perché non può comminare in fretta ecc. Ancora, un'altra disabilità comune è quella dell'artrosico: c'è un incendio, tutti corrono, lui resta indietro, perché non può correre..."

Tanto per dire quanto a partire dal problema di un bagno si può arrivare a ragionare su tutto un sistema.
Questione di cultura indubbiamente.
A partire da questa e altre considerazioni si è arrivati al progetto, coinvolgendo tante professionalità ed esponenti di diverse disabilità (si chiama progettazione partecipata). Spiega Francesco Miotto, Coordinatore generale di Tecnothon: "L'usabilità di un oggetto o di un servizio nasce in fase di progettazione e dipende dalla capacità di pensare agli utenti finali, interpretandone le esigenze".

In questi gruppi di lavoro si sono inseriti appieno anche gli architetti dello studio TamAssociati, che hanno realizzato poi il sito di divulgazione dei risultati tecnici Unbagnopertutti.org. Si tratta di uno strumento (cui vi rimandiamo per approfondimenti), dove vengono proposte le indicazioni e le dritte giuste per realizzare un servizio igienico pubblico secondo la filosofia che vi abbiamo esposto: se va bene per il disabile va bene anche per tutti.

Un intervento in linea con i principi di Tecnothon: accessibilità 24 ore al giorno per 365 giorni all'anno. Un risultato ottenibile se si vive la progettazione secondo la cultura del "per tutti". In questo senso l'accessibilità non diventa un "di più", ma una logica conseguenza. In sintesi, un bagno per tutti non è uno slogan teso alla negazione delle differenze, ma un ideale cui tendere. Benvenuto allora al BagnoPerTutti!

il fumetto di Walter al bagno...
Uno dei fumetti “Walter al bagno” (tratto da unbagnopertutti.org)

  • Progetto UnBagnoPerTutti
    I servizi igienici progettati, frutto della medesima cultura, sono due: il tipo Large più grande e comodo, il tipo Medium un po' più ridotto. Vi presentiamo il maggiore dei due, rappresentato nell'immagine in apertura, e visionabile nei particolari sul sito dedicato.
    Il bagno di tipo Large è un bagno accessibile per luoghi aperti al pubblico. Rispetto alle prescrizioni previste dalle norme vigenti, questo bagno introduce piccoli accorgimenti di tipo dimensionale e consigli relativi al posizionamento ed alla scelta dei sanitari e degli accessori. Spesso infatti l'accessibilità reale è compromessa da una superficiale applicazione delle norme o da una scelta distratta di prodotti non idonei, anche se presenti sul mercato. Inoltre il progettista deve confrontarsi correttamente con le esigenze di un'utenza che non necessariamente ricalca la figura "canonica" del disabile (un soggetto paraplegico su carrozzina a spinta manuale), ma abbraccia una più estesa categoria di persone: con particolari patologie invalidanti, con necessità di utilizzo di ausili particolari, con l'esigenza di avere a fianco un accompagnatore.
  • Tecnothon
    Tecnothon è il Laboratorio di ricerca Tecnologica della Fondazione Telethon. Nato nel 1994, con sede a Sarcedo (VI), Tecnothon inventa, progetta e realizza prototipi di oggetti in grado di aumentare la qualità della vita.
    I tanti brevetti frutto di una ricerca tecnologica all'avanguardia vengono poi ceduti gratuitamente alle imprese che si impegnano a vendere l'ausilio prodotto a un prezzo "etico", pattuito con la Fondazione Telethon.


INFO:

Tecnothon
via Dell'Industria, 67 Z.I. - 36030 Sarcedo (Vicenza) Italia
tel. +39 0445 381987
fax +39 0445 384035
e-mail tecnothon@telethon.it

Il nuovo sito dedicato al progetto, che si pone come punto di riferimento per la progettazione di servizi igienici accessibili

Il sito dello studio TamAssociati

La pagina dedicata all'ambiente bagno nel nostro Speciale Barriere Architettoniche

Altri articoli che segnalano alcuni brevetti di produzione di Tecnothon:
A.A.A. AZIENDE CERCANSI PER "POLTROLETTO", "NONTIKIAMO" e TIKOPRO"

IL GOMMORANO PER VOLARE SULL'ACQUA

A EXPOSANITA' IL PRIMO CAMPER ACCESSIBILE A TUTTI


[Alberto Friso]