Menu

Tipografia

Uno degli interventi più interessanti all'incontro di qualche giorno fa, a Treviso, è stato quello di Antonio, un giovane non vedente, che ha raccontato la sua passione per Internet ma anche le difficoltà con cui quotidianamente si deve scontrare.
Questo ragazzo cieco, con l'ausilio del software di lettura vocale Jaws, ha provato ad accedere a siti della Pubblica Amministrazione e di Società che forniscono servizi pubblici. Ecco il risultato.
"Alcuni siti sembrano proprio progettati per impedirmi di entrare - ha spiegato - e la cosa è ancora più grave perchè si tratta di siti della Pubblica Amministrazione, o di servizi pubblici.
Ma vi siete mai domandati come faccio, ad esempio, a prenotare un treno?
".
Effettivamente, il sito delle Ferrovie Italiane risulta difficilmente accessibile e totalmente "inusabile" attraverso i software utilizzati dai non vedenti.



Ma questo non è, tra l'altro, un caso isolato, visto che il 97% dei siti web risulta ancora non accessibile per i non vedenti, nonostante le linee guida della W3C (Word Wide Web Consortium), cioè l'organo che stabilisce le regole costruttive delle pagine Internet, siano del 1999 (http://www.accessibilitaonline.org/index.php?view=article&option=com_content&idmen=149 )  e nonostante anche in Italia ci siano chiari indirizzi normativi, come le circolari ministeriali, e soprattutto il recente Libro Bianco "Tecnologie per la disabilità".
E poi ci sono numerosi progetti di legge in discussione (http://www.accessibilitaonline.org/index.php?view=article&option=com_content&id=253&Itemid=149 ).

Da sottolineare è anche l'intervento del Professor Francesco Pira (www.francescopira.it/),  docente di Comunicazione Sociale all'Università di Udine, che ha sottolineato come i progetti di E-government (cioè la possibilità di accedere ai servizi delle Pubbliche Amministrazioni attraverso Internet) non possano trascurare l'accessibità ai servizi da parte di tutte le categorie sociali, ma anche "l'usabilità", ovvero la possibilità di utilizzare il servizio in maniera facile e intuitiva.

In coda al convegno è stato presentato Accessibilitaonline.org, il progetto promosso dal Coordinamento Provinciale Associazioni Handicappati di Treviso "Picos" e realizzato da due importanti realtà italiane, 3vimedia Web & More e Xtend New Media
Il sito Accessibilitaonline.org vuole essere il prototipo del sito accessibile, ma la sua particolarità è che è stato interamente realizzato e aggiornato con un CMS - Content Manager System, un sistema che facilita la gestione e l'inserimento dei contenuti attraverso il browser web.
L'interfaccia di semplice utilizzo è particolarmente adatto per le Pubbliche Amministrazioni che hanno la necessità di aggiornare spesso il loro sito, ma non hanno la possibilità di avere sempre a disposizione uno specialista che conosca bene il codice Html e le normative del W3c.
L'"Acocms", realizzato da Xtend New Media, consente infatti anche all'utilizzatore più sprovveduto di produrre un codice Html (il linguaggio con cui sono fatti i siti web) accessibile ai non vedenti.

Il convegno di Treviso si inseriva all'interno della Campagna "Tutti a bordo", promossa dalla Commissione UE per assicurare la massima visibilità e la sensibilizzazione delle Comunità locali per l'Anno Europeo delle Persone con Disabilità.



Il 26 gennaio 2003 è partito dalla Grecia un autobus che ha percorso tutti i Paesi d'Europa, e che sta terminando il suo viaggio in Italia.
Il pullman è completamente accessibile ed è stato costruito appositamente per l'evento. 

Le tappe italiane dell'autobus di 'Tutti a bordo':
Treviso (Veneto) 30-31 ottobre
Varese (Lombardia) 3-4-5 novembre
Biella (Piemonte) 6-7-8 novembre
Parma (Emilia Romagna) 10-11 novembre
Grosseto (Toscana) 13-14 novembre
Pescara (Abruzzo) 17-18 novembre
Benevento (Campania) 20-21 novembre
Reggio Calabria (Calabria) 24-25 novembre
Agrigento (Sicilia) 27-28 novembre
Cagliari (Sardegna) 1-2-3 dicembre
Roma (Lazio) 4-5-6 dicembre