Menu

Tipografia
L’Unione europea si dimostra solidale con i non vedenti. Sicuramente piu’ di quanto lo sia stata la nostra Zecca di Stato.La tanto famigerata moneta europea, l’euro, che, tra sei mesi soppiantera’ definitivamente la lira, sara’ infatti riconoscibile al tatto per i ciechi.Se si paventano grossi problemi di adattamento per tutti i cittadini europei, non e’ difficile immaginare le ben maggiori insidie nelle quali si imbattera' chi vive questo tipo di disabilita’. La zecca comunitaria ha tra l’altro pensato bene di giocare d’anticipo;sono stati infatti stampati eccezionalmente, in anteprima per i non vedenti, ben ventottomila mila sacchi pieni di banconote false o, meglio,’facsimile’, che riproducono fedelmente, in dimensione e sensibilita', i valori monetari nei quali ci imbatteremo dal 2002. Da poco tempo, d’altronde, i non vedenti italiani(e solo pochi di loro) avevano potuto utilizzare autonomamente il denaro. Solo di recente, in concomitanza con il conio delle monete da cinquecento lire, ci si era ricordati di questi soggetti, creando dei segmenti di riconoscimento sui bordi delle stesse. Il problema urgente è ora quello di distribuire equamente, in tutti i paesi della Comunita’ Europea le banconote, a scopo didattico.I non vedenti di Nuoro, non saranno certamente tra coloro che si troveranno impreparati: la sede regionale dell’ Associazione privi della vista si è attivata gia' da qualche tempo distribuendo ai non vedenti opuscoli informativi in braille e facsimile di banconote, e organizzando incontri didattici e convegni aperti al pubblico. E gli altri non vedenti italiani saranno pronti ad utilizzare agevolmente l’euro? Fateci sapere…come sempre i nostri forum sono a disposizione per scambi di informazioni e notizie!

Annalisa Gadaleta

lisa@disabiliforum.com