Menu

Tipografia

"Non posso che esprimere grande soddisfazione".
Inizia così l'intervista che Tommaso Daniele, presidente dell'Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti, ci ha rilasciato a commento del provvedimento dell'autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, che prevede 50 sms gratis al giorno per i sordi e 90 ore al mese di navigazione gratuita su internet per i non vedenti.
Potete ascoltare l'intervista in versione audio cliccando questo link. Di seguito invece vi riportiamo ampli stralci della stessa.

La delibera dell'Agcom intima alle compagnie telefoniche di mettere a disposizione questi benefit a partire da fine 2007.
Agli utenti sordi inotre dovranno essere garantiti i prezzi più bassi del mercato anche per gli altri servizi di trasmissione dati, come MMS, Video chiamate e connessione ad internet.
Confermate anche le norme che già prevedevano l'esenzione dal canone di abbonamento della linea telefonica fissa per tutte le famiglie in cui vi sia un soggetto sordo.

"Questo risultato - ha precisato Tommaso Daniele - rappresenta un punto di arrivo di richieste che noi andiamo facendo da anni, limitatamente all'uso del telefono e di internet. Il garante della comunicazione, il dottor Corrado Calabrò, ha deciso di concedere 90 ore di navigazione in internet a titolo gratuito ci gratifica.
Per i ciechi e gli ipovedenti è una nuova opportunità di autonomia e indipendenza, proprio quello per cui noi lottiamo".

Il presidente Daniele ha espresso soddisfazione anche per il traguardo ottenuto da parte dei non udenti: "ci battiamo assieme perchè entrambi abbiamo barriere sensoriali da abbattere, sia pure in direzioni diverse".

Ma non era possibile a suo parere che le compagnie telefoniche arrivassero a una soluzione simile, indipendentemente dal garante? E' chiedere troppo?
"E' sempre un problema di cultura, non c'è grande sensibilità nei confronti dei più deboli. L'obiezione che ci veniva fatta prima è che poi i telefoni potevano essere usati anche dai familiari, e cose del genere".

Cosa significa per i ciechi e ipovedenti poter avere questo bonus di 90 ore di internet?
"Per noi è anche uno stimolo in più, soprattutto per gli anziani, per avvicinarsi all'informatica.
Ad oggi circa il 30% dei ciechi utilizza internet, ma la gran parte degli anziani non lo utilizza. Le 90 ore sicuramente saranno un incentivo per avvicinarsi a questa pratica".
 

Il provvedimento giunge a ridosso di una giornata molto particolare, ovvero la Giornata mondiale della vista, che si celebra oggi 11 ottobre, per l'organizzazione dell'Oms. Che lancia l'allarme: la cecità e l’ipovisione sono in drammatico aumento.
Ogni 5 secondi nel mondo una persona diventa cieca, ogni minuto che passa diventa cieco un bambino, nel mondo i ciechi sono più di 45 milioni e gli ipovedenti oltre 135 milioni, ogni anno più di 7 milioni di persone diventano cieche, il 90% dei ciechi vivono nei Paesi in via di sviluppo.
In Italia l'attenzione si concentra su Roma, dove presso il Policlinico Agostino Gemelli (Aula Brasca, ore 10) ci sarà l’inaugurazione del Polo Nazionale di servizi e ricerca per la prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva degli Ipovedenti.

"La giornata - commenta il presidente dell'associazione UIC - ci vede protagonisti, perchè l'agenzia che ha promosso la celebrazione dell'iniziativa, ovvero la sezione italiana della IAPB, è costituita dal 50% di rappresentanti ciechi, e altrettanti oculisti.
In realtà abbiamo lottato per la prevenzione della cecità ben prima che si costituisse l'agenzia internazionale, e per primi abbiamo introdotto il concetto di riabilitazione della vista in Italia. A spese nostre abbiamo formato i riabilitatori, e a spese nostre abbiamo aperto i primi centri. L'inaugurazione del polo informatico è il punto di arrivo di questa nostra politica, ed è ricco di prospettiva, perchè può mettere in rete tutti i centri esistenti, per un politica organica di prevenzione e riabilitazione".

INFO:

Ascolta l'audio dell'intervista a Tommaso Daniele, presidente Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti 

Leggi la delibera dell'autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni dal titolo Disposizioni in materia di condizioni economiche agevolate, riservate a particolari categorie di clientela, per i servizi telefonici accessibili al pubblico

Il sito dell'Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità, sezione italiana

Sulla Iapb vedi anche questo articolo:
IL PIPISTRELLO BAT INSEGNA AD ‘APRIRE GLI OCCHI’


[Alberto Friso