Menu

Tipografia

Ne è passato di tempo da quando Luis Braille, quindicenne cieco, si inventò un codice per leggere e comunicare senza la vista. Da allora - siamo nell''800 - la scrittura in Braille è diventata lo strumento universalmente noto in mano ai ciechi, per leggere, per comunicare, per integrarsi.
I non vedenti umbri hanno però di che sorridere: da oggi avranno a disposizione la stampante "Impacto 600", una grande rivoluzione per gli oltre 2.200 fra bambini e adulti ciechi della regione. Una rivoluzione che partirà dalle scuole dove, a causa della carenza di libri - troppo costosi quelli in Braille! - i giovani non vedenti sono parecchio svantaggiati.

E il Braille si sta adeguando ai tempi... e alle esigenze. Perchè se attraverso i sintetizzatori vocali è possibile codificare questo codice dal computer, la grande rivoluzione è arrivata con  le stampanti in linguaggio Braille, grazie alle quali è possibile leggere i testi direttamente su carta.
Una bella differenza! Significa passare dalla dipendenza dalle tecnologie, all'autonomia di leggere autonomamente, con i propri polpastrelli; significa leggere quando si vuole, ovunque, senza dover dipendere da un pc. In realtà in Italia di queste stampanti ce ne sono piuttosto poche, a causa della gestione complessa e dei costi elevati.

Impacto 600, prodotto dalla Once, l'"Unione ciechi" spagnola, è arrivata in Italia, all'Unione Italiana Ciechi di Perugia, grazie al cofinanziamento del Monte dei Paschi di Siena e della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, per un costo di 26mila euro.
Una cifra sicuramente ben investita perchè "pur non arrivando alla produzione industriale di alcune, poche, stamperie italiane - spiega Emilio Vantaggi, presidente regionale UIC - può stampare fino a 600 pagine all'ora, contribuendo così ad abbattere i costi di scuole e disabili".
"Non è facile trascrivere dal "nero", cosiddetto, al Braille - continua Vantaggi - perchè le codifiche sono molto lunghe e può capitare che un semplice volume come "I Promessi Sposi", occupi cinque o sei volumi di carta. L'imissione di dati in codice è complessa, per riportare al cieco tutte le foto, i titoli, la grafica, le caratteristiche di una pagina, così come le vede una persona normodotata".
Ma entrando a regime e con il personale addestrato, si prevede di abbattere i costi, e servire così le scuole, le famiglie di disabili, gli Enti...
Certo, servirà ancora un po' di tempo per "far ingranare" tutto il meccanismo: la stampante si trova nella sede dell'UIC di Perugia già da un anno, ma per alcune difficoltà di funzionamento era rimasta inattiva. Erano necessari mesi di addestramento del personale addetto - due ciechi, Vantaggi e la moglie, anch'essa non vedente - per far funzionare la macchina e renderla a tutti gli effetti operativa, a disposizione dei cittadini e delle scuole che ne fanno richiesta. L'Impacto 600 avrà parecchio da fare, da oggi in poi...

Link al sito della UIC dell'Umbria

Link al sito della UIC nazionale

Leggi anche questi articoli:
LIBRI .....PARLANTI

E-MAIL LEGGIBILI A TUTTI

COMPUTER LEGGIBILE ANCHE PER CHI NON VEDE

[Francesca Lorandi]