Menu

Tipografia

L'accesso al web è un diritto per tutti: chiunque, con qualsiasi strumento di navigazione per internet (Personal Computer, Palmare, Web Phone, ...) deve poter fruire dei contenuti della rete, specialmente se si tratta di contenuti di servizi pubblici e di pubblica utilità.
Pensiamo ad esempio al sito web di un comune, oppure all'accesso ondine di un servizio bancario: un utente non vedente - ad esempio - deve poter fruire autonomamente, grazie al supporto di tecnologie assistive (ad esempio programmi che "leggono" il contenuto delle pagine web).

A livello mondiale esiste un consorzio, il W3C -World Wide Web Consortium, che definisce le linee guida internazionali per lo sviluppo dei siti internet.
All'interno del consorzio è definito un progetto, WAI - Web Accessibility Initiative, che si occupa di fornire indicazioni agli sviluppatori su come rendere accessibili i contenuti della rete nonché la partecipazione attiva delle persone con disabilità alla creazione dei contenuti della rete.

La stessa Unione Europea ha richiesto agli stati membri di recepire queste linee guida ed in Italia sta finalmente nascendo una legge in Parlamento, alla quale sta dando forte contributo un disegno di legge sviluppato da IWA/HWG (la maggior associazione al mondo di web professionals con sede a Venezia per il territorio italiano) e presentato dagli On. Cesare Campa e Antonio Palmieri: la successiva presentazione di un disegno di legge a firma del Ministro Stanca ha finalmente dato l'avvio alla discussione per arrivare entro la fine del 2003 - Anno europeo del Disabile - ad una legge di recepimento degli standard internazionali.
Questi standard, per i contenuti del web, sono creati da un gruppo di lavoro internazionale, il WCAG WG (Web Content Accessibility Guidelines Working Group) al quale partecipano i maggiori esperti mondiali di accessibilità del web e di cui attualmente l'unico italiano in "good standing" è l'Advisory Committee Representative di IWA/HWG, il veneziano Roberto Scano.
Altri italiani stanno raggiungendo lo status di "good standing" in modo da poter dare un solido contributo alla nascita degli standard per il web.
L'incontro, organizzato da IWA/HWG, si svolgerà nei giorni 1 e 2 luglio al Lido di Venezia, presso l'Hotel La Meridiana (www.hotelmeridiana.com), nella stessa sala dove nel giugno del 2000 è nata la sezione italiana dell'International Webmasters Association (IWA).
Scopo dell'incontro, è di coinvolgere ulteriori sviluppatori italiani alla partecipazione del gruppo di lavoro e di proseguire con una due giorni di full-immersion nello sviluppo delle nuove linee guida (WCAG 2.0), che presumibilmente saranno pronte per l'inizio del 2004.
L'incontro è riservato ai componenti del gruppo di lavoro.

Maggiori informazioni sull'evento sono disponibili all'indirizzo: www.w3.org/WAI/GL/2003/07/f2f-agenda.html