Menu

Tipografia

Webaccessibile.org è un progetto indipendente e no profit che sta raccogliendo il favore e l'attenzione di professionisti e network del settore che vogliono lavorare ed occuparsi seriamente di accessibilità, affinché possa concretizzarsi una vera società dell'informazione a disposizione di tutti.
Il sito é stato aperto il 30 maggio scorso e sarà a pieno regime a breve.
Si tratta del primo sito istituzionale italiano ad occuparsi di accessibilità dei siti internet in modo professionale e serio.
Le finalità del progetto, promosso in collaborazione da IWA/HWG e Bazzmann Labs, é la diffusione e lo studio delle direttive WAI (Web Accessibile Imitative) sull'accessibilità dei siti Internet.
La finalità ultima di webaccessibile.org è quella di portare all'attenzione del pubblico l'importanza di avere siti di pubblica utilità accessibili anche, e soprattutto, da utenti disabili che sempre più spesso hanno difficoltà a navigare sulla rete a causa di formati e realizzazioni che non tengono in conto di alcuni semplici suggerimenti che potrebbero davvero fare la differenza.

In un'intervista fatta con webmasterpoint.org, Patrizia Bertini, Responsabile IWA/HWG Settore Accessibilità, aveva dichiarato che:
"Le finalità del progetto webaccessibile.org si suddividono in diverse aree, quali la formazione, la certificazione, il test, l'analisi e la catalogazione dei siti accessibili, la diffusione e la promozione dei progetti e delle linee guida internazionali.
Webaccessibile.org si sta muovendo con particolare attenzione anche nel campo della certificazione dei siti internet: oggi é possibile eseguire i test di controllo del proprio sito tramite dei validatori del codice che permettono di stabilire se il sito é o non é accessibile e a che livello lo é.
Quello che ancora manca é un ente autorizzato e di riferimento che certifichi e garantisca il livello di accessibilità di un sito.
Per questo motivo webaccessibile si propone di creare delle certificazioni riconosciute e valide che stabiliscano il livello di accessibilità raggiunto da ogni sito.
Un'altra area di intervento e attività del progetto webaccessibile.org consiste nella recensione di tools, servizi e prodotti utili per lo sviluppo di applicazioni conformi alle linee guida dell'accessibilità.
Sul sito webaccessibile.org, inoltre, saranno raccolti tutti i siti italiani accessibili, così da creare una directory completa ed un esempio di come sia possibile fare dei siti accessibili e validi.
Naturalmente, la finalità stessa del progetto include che webaccessibile.org si occupi di promuovere la conoscenza e la diffusione delle guidelines e dell'accessibilità, promuovendo incontri tra professionisti".

Trattando poi di accessibilità, Patrizia Bertini continua dicendo che "l'accessibilità consiste nella progettazione e realizzazione di un sito internet accessibile, appunto, indipendentemente dalla dotazione tecnologica degli utenti.
Questo significa che il sito, in fase progettuale, dovrà tenere conto di utenti con difficoltà visive, uditive (Internet é un media multimediale in cui l'informazione può essere vincolata attraverso audio), motorie o cognitive (utenti con problemi di memoria a breve termine e dislessia per esempio).
Rendere accessibile un sito significa adottare semplici accorgimenti, alcuni tecnici, la realizzazione dl sito in xhtml, il linguaggio destinato a sostituire il "vecchio" html 4.01, utilizzare un altro linguaggio chiamato SMIL per rendere sincronizzati i filamenti audio con contenuti testuali e altro ancora.
Ma accessibilità non é solo un'attenzione maggiore dedicata alla progettazione ed alla realizzazione tecnica di un sito ( o di un prodotto multimediale), ma anche una cura nella progettazione dell'usabilità del sito.
Un sito accessibile permette da un lato di venire incontro alle esigenze di tutti i navigatori, che possono cosi cercare informazioni su siti rapidi da caricare, semplici da navigare e che non inducono nelle frustrazioni tipiche di molti siti che richiedono plug in e applet particolari per essere visualizzati.
Gli utenti non sempre sono interessati alle tecnologie ed hanno familiarità con plug in ed installazioni varie: per questo, un sito accessibile rende tutto più facile.
Inoltre, un sito accessibile diventa l'unico sito necessario, in quanto può essere visualizzato e navigato con semplicità indipendentemente dal dispositivo usato (Pda, mobile, webtv…).
In questo modo, avere un sito accessibile significa avere un sito che chiunque può vedere e consultare, senza la necessità di fare versioni "adattate" per cellulari, palmari etc...
Con un unico investimento é possibile essere online ovunque sia possibile esserlo".

Per quanto riguarda la situazione dei siti di casa, infine, conclude dicendo che in Italia c'è "poca attenzione, scarsa conoscenza del problema e investimenti formativi poco felici, che hanno portato il nostro Paese ad essere uno dei meno attenti.
Complici di questa situazione sono da un lato la scarsa legislazione, esistono due circolari, una del governo del 13 marzo 2001 ed una dell'Aipa del 6 settembre scorso, che sono state poco recepite. L'altro fattore é stato l'ingente investimento fatto nella formazione di grafici altamente specializzati in tecnologie come flash, per esempio, assolutamente non accessibili e non standard.
Professionisti del settore più attenti iniziano ad occuparsi seriamente di accessibilità, e sono certa assisteremo presto ad un vero e proprio boom del tema, se si considera che il 2003 é l'anno europeo dei disabili ed esistono delle direttive dell'Unione Europea del progetto eEurope2002 che auspicano maggiore interesse per questi temi, ponendo come data ottimale per l'adeguamento di siti delle PA dei paesi membri il 2003".

Webaccessibile.org é stato presentato ufficialmente a Bologna il 21 giugno ( http://www.iwa-italy.org/bologna2002) e ha partecipato a Webb.it di Padova.

Info
Sito web www.webaccessibile.org
mailto contatti@webaccessibile.org 
Patrizia Bertini - Coordinamento Webaccessibile.org