Menu

Tipografia


Mano destra sul volante, sinistra sull'acceleratore e sei pronto ad imboccare la strada della sicurezza: guidare l'auto non richiede più troppi sforzi a chi ha disabilità agli arti inferiori, grazie alle nuove soluzioni tecnologiche che aprono l'accesso ad una guida facile e sicura.
Bastano due semplici ausili, che si aggiungono a qualsiasi modello d'auto, per scendere subito in pista: si tratta dell'"acceleratore a cerchiello" e del "comando a mano" per il freno di servizio.

http://www.disabiliforum.com/prodotti/guidosimplex/?imk=Articolo-AusiliGuida

L'acceleratore è un dispositivo meccanico che sostituisce il normale congegno a pedale: ha la forma di un cerchio posizionato nella parte superiore del volante originale, ed è studiato in modo tale da ruotare in sincronia con esso.
Funziona semplicemente esercitando una piccola pressione in qualsiasi suo punto ed è progettato per tutti i tipi di volante, per cui ne garantisce il corretto funzionamento anche in caso di fuoriuscita dell'air bag.
A questo cerchiello è collegato un dispositivo meccanico che mette in comunicazione la pressione esercitata su di esso con il normale acceleratore a pedale.
Accanto all'acceleratore è posizionato il freno, che ha la forma di una leva di facile impugnatura, ed è azionabile a mano.
Questa leva può essere differentemente sagomata in base alle caratteristiche della vettura, ed ha all'estremità un'impugnatura a pomo ed una pulsantiera per il comando del clacson e del dispositivo per le partenze in salita.

http://www.disabiliforum.com/prodotti/guidosimplex/?imk=Articolo-AusiliGuida

Disabili-com: ausili auto 
L'auto adattata con gli ausili acceleratore e freno

La tecnologia si pone all'avanguardia anche in questo settore, ma fino a che punto permette ai disabili di correre in auto in completa sicurezza?
L'abbiamo chiesto a Valter Nicoletti, Vicepresidente Nazionale dell'Anglat nonché esperto dell'area 'Mobilità' di Disabili.com, e abituale utilizzatore di ausili per guidare.
Anche mentre lo intervistiamo - telefonicamente - sta guidando l'auto. Con cinture allacciate e auricolare, naturalmente.

Valter, da quanti anni utilizzi gli ausili per guidare?
Dal 1991, quindi sono dodici anni.

Senti di guidare in tutta sicurezza?
Assolutamente sì, altrimenti non mi metterei mai al volante. E senza alcun adattamento.
Se avessi anche il minimo sentore di insicurezza, rinuncerei a guidare perché non solo rischierei di mettere a repentaglio la mia vita, ma anche quella degli altri.

Quali differenze ci sono tra gli ausili a trasmissione manuale e quelli elettronici?
L'acceleratore meccanico, a differenza di quello elettronico, ha sicuramente un miglior rapporto
qualità/prezzo, vale a dire che costa poco e ti garantisce al 100%: non ci sono centraline elettroniche, quindi non ti lascerà mai a piedi.
Nel caso in cui si verificassero dei guasti, ma sono veramente rari, l'acceleratore meccanico può essere facilmente riparato da qualsiasi meccanico. Si può comunque contare su una garanzia di tre anni.
Inoltre, cosa molto importante, il nuovo acceleratore meccanico permette il funzionamento dell' AIR Bag, a cui non rinuncerei mai.

Mantieni un'elevata sensibilità di guida?
Direi ottimale!

Utilizzi una patente speciale?
Si, la patente speciale con adattamenti.
Rispetto alla normale patente di guida, si viene esaminati dalla Commissione Medica Provinciale, all'interno della quale ci sono dei medici ed un ingegnere della motorizzazione.
Il medico determina il deficit motorio o visivo.
L'ingegnere suggerisce quali adattamenti sono necessari per supplire alle singole difficoltà ed eliminarne i limiti.
La commissione stabilisce se l'esaminato può guidare e, nel caso di idoneità, quali adattamenti deve applicare.
La tecnologia è molto avanti in questo settore, per cui le auto possono essere adattate e personalizzate per eliminare qualsiasi problema.
Un esempio significativo è il "Vocal", un dispositivo che permette di personalizzare la propria auto in modo tale che essa riconosca la propria voce.
Ad esempio  per azionare la freccia, gli abbaglianti, per abbassare i finestrini, o accendere/spegnere l'aria condizionata, basta solamente ordinarglielo a voce.

Capita mai che ti lasci andare prendere da una guida 'sportiva'?
Io amo la guida sportiva! Ma, sottolineo, solamente in pista!
Mai per  strada, per rispetto a me e agli altri.
Quando corro in pista e vengo cronometrato, non sono penalizzato nei tempi!
Esistono gare e tornei di corse di automobili adattate, organizzate dalla F.I.S.A.P.S. (Federazione Italiana Sportiva Automobilismo Patenti Speciali), il cui presidente onorario è l'ex campione svizzero  Cley Regazzoni. Anche Alex Zanardi è tornato a correre con un'auto adattata.

Il viaggio più lungo che hai fatto?
Sono andato un po' in tutta Italia: Sicilia, Sardegna, Calabria, ma sono stato anche in Spagna.
Mi muovo quasi esclusivamente in auto, perché sia in aereo che in treno ci sono troppi disagi.
Anzi, il treno è praticamente inaccessibile.
Anche in questo momento sto guidando, sono in autostrada, ed utilizzo il viva voce.

Ed i tuoi passeggeri si sentono al sicuro accanto a te?
A dire la verità, le persone che salivano con me in macchina per la prima volta rimanevano un po' impressionate alla vista degli ausili, e vedevo che avevano paura.
Dopo un po' di tempo comunque si abituavano: ora non ci fanno proprio più caso...
Vorrei a questo punto sfatare il luogo comune che siano le donne ed i disabili a procurare il maggior numero di incidenti per le strade.
Da un'indagine fatta dalle Assicurazioni, emergono le tipologie di persone che causano meno incidenti: al primo posto ci stanno le donne, al secondo i patentati speciali.
I disabili occupano i primi posti per diversi motivi: molti lo sono diventati proprio in seguito a gravi incidenti, per cui stanno molto più attenti alla guida.
E poi, perché il disabile fa molta più fatica a prendere la patente: si pensi a chi soffre per gravi patologie, come per esempio i tetraplegici.
Infine, per un motivo ancora più importante: il ritiro della patente, che è un problema per tutti, nel caso dei disabili rappresenta un vero e proprio dramma.

http://www.disabiliforum.com/prodotti/guidosimplex/?imk=Articolo-AusiliGuida

Disabili-com: una gara automobilistica
Una gara automobilistica

Prima di terminare la nostra conversazione, Valter lancia un appello ai giovani, perché non dimentichino di fare attenzione a quei piccoli accorgimenti che non costano nulla, ma che salvano la vita.
Poi ci saluta e prosegue la sua lunga corsa in autostrada.
Per lui, e per tutti noi, una cortesia: allacciate le cinture. Sempre.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI E TUTTI I DETTAGLI TECNICI: