Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia
L'Associazione Culturale Fabbrica di Luce vuole percorrere nuove vie nel mondo del volontariato, attualizzando ed integrando le tecniche di supporto al disagio avvalendosi dei più moderni ed efficaci strumenti informatici e di comunicazione. La classica "azione sul campo" è indubbiamente lodevole sia negli intenti sia nella disponibilità umana ma spesso rimane chiusa nel proprio ambito, non rendendo fruibile i risultati acquisiti e le tecniche utilizzate ad altri gruppi di volontari che operano in settori diversi, non capitalizzando cosi' le energie profuse. Con l'utilizzo delle tecnologie di comunicazione informatiche, questo patrimonio può essere salvato e tramandato, evitando quel continuo ricominciare da capo che tanto scoraggia gli operatori e disorienta chi si trova in stato di necessità.L'Associazione Culturale Fabbrica di Luce vuole dunque oltrepassare la struttura chiusa del volontariato nazionale, proponendosi come centro di informazione, comunicazione e servizi: il primo terminale della rete elettronica del volontariato. A questo scopo si é attivato un rapporto di collaborazione con la Mediateca Regionale Toscana che ha arricchito il progetto e che vedrà
come prima azione significativa l'installazione nella sua sede di computers attrezzati con software progettati per essere utilizzati da ragazzi con difficoltà di apprendimento; operazione sponsorizzata dal Rotary Club di Firenze Ovest. Cos'e' 'Fabbrica di Luce? L'Associazione promuove e supporta iniziative nate nell'ambito del disagio fisico, psichico e sociale con particolare attenzione alla ricerca e
divulgazione di supporti formativi per lo sviluppo cognitivo dei ragazzi con handicap anche in prospettiva di un inserimento lavorativo. Tale inserimento é collegato alle difficoltà di apprendimento che fin da piccoli affliggono i portatori di handicap. Gli approcci, i metodi e gli strumenti di apprendimento per i bambini con problemi mentali presentano tutta una serie di aspetti che assumono una luce particolare se analizzati dal punto di vista del rapporto persona/ambiente e , nello specifico, con scuola/famiglia. Il coinvolgimento dei genitori è da molti anni ormai centro di attenzioni di pedagoghi e insegnanti mentre il numero di "strumenti" che creino occasioni di continuità con la scuola e che siano a disposizione delle famiglie pare ancora limitato.Su tale situazione, l'impatto delle nuove tecnologie informatiche e multimediali pare aprire nuovi spiragli per mettere a disposizione degli insegnanti e dei genitori alcuni supporti didattici che creino un punto di collegamento e di continuità a tutto vantaggio dei bambini.L'Associazione non ha scopo di lucro ma potrà compiere tutte quelle operazioni, anche finanziarie e commerciali, che risultino utili al raggiungimento degli scopi sopra indicati. In particolare svolge funzioni di raccordo con associazioni e comitati tecnico-scientifici nello specifico settore dei metodi e degli strumenti di supporto all'apprendimento e all'inserimento lavorativo. Il Comitato Tecnico-Scientifico è costituito da personalità del mondo scientifico o di
quello dell'associazionismo a carattere sociale e pedagogico.Spetta al Comitato Tecnico-Scientifico: - segnalare iniziative e progetti conformi alle finalità dell'Associazioneavviate da altre associazioni al fine di realizzare eventuali sinergie operative
- segnalare e/o valutare strumenti e supporti di apprendimento reperibili sul mercato
- proporre le sviluppo di progetti di particolare rilevanza
- collaborare alla diffusione delle finalità e delle iniziative dell'Associazione presso rilevanti organismi pubblici a privati, stampa specializzata e divulgativa, Istituzioni nazionali ed internazionali.
Inoltre l'Associazione si fa promotrice di punti di dimostrazione strumenti in Organismi pubblici e fondazioni private, nei negozi di informatica, negli office automation, nelle librerie dove vi siano ampie possibilità di contatto con il pubblico, promuovendo prodotti ritenuti particolarmente utili per sviluppare l'apprendimento dei portatori di handicap attraverso anche il coinvolgimento di insegnanti, genitori, operatori sociali,formatori tecnici.

Per info potete contattare uno dei fondatori a questa e-mail:
e.orofino@iol.it

Valentina Polati - valentina@disabili.com