Menù

triride scooter  disabili
stannah montascale per disabili
adattamenti auto disabili
Typografia

 BARRIERE ARCHITETTONICHE

barriere_architettoniche_e_accessibilita

EDILIZIA PUBBLICA: UFFICI, SCUOLE, OSPEDALI ACCESSIBILI
 

In questo capitolo ci occupiamo dell'accessibilità a sedi e uffici comunali, provinciali, regionali, statali, scolastici, sanitari, ospedalieri, socio-assistenziali, ma anche a cinema, teatri, bar, ristoranti, ambulatori, stadi, palestre, eccetera.

 

In Italia esistono alcune leggi che garantiscono il diritto all'accessibilità in questi luoghi. Sono norme tecniche molto precise, vincolanti. Come già accennato sopra, purtroppo non sempre vengono applicate.
Per quanto riguarda gli enti pubblici, ecco in ogni caso le principali:

  • Decreto del Ministero per i Beni e le attività culturali 114 del 16/05/2008.
    Linee guida per il superamento delle barriere architettoniche nei luoghi di interesse culturale.
  • Legge n. 41 del 28 febbraio 1986 (Legge Finanziaria 1986).
    Imponeva agli Enti Locali territoriali, allo Stato, agli Uffici periferici dello Stato, agli Enti Pubblici, di dotarsi di un piano per l'abbattimento delle barriere architettoniche e di destinare a tal fine una quota annuale del bilancio d'esercizio;
  • D.P.R. n. 503 del 24 luglio 1996.
    Disciplina l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici, con particolare riferimento all'accessibilità diretta ai servizi. Regolamenta anche le soluzioni che la pubblica amministrazione deve adottare per garantire comunque l'accesso ai servizi erogati alla popolazione;
  • Legge n. 104 del 5 febbraio 1992 (legge quadro sull'handicap).
    Alcuni commi della legge si occupano nello specifico delle barriere architettoniche, introducendo tutele in diversi campi (sanità , assistenza, scuola, formazione, lavoro, trasporti, giustizia, ecc.). In ogni caso se ne evince che le persone con disabilità in nessun caso possono essere escluse dal godimento di servizi, prestazioni e opportunità ordinariamente goduti da ogni cittadino.

    In particolare la legge 104/92 prevede:
    - che il rilascio delle concessioni edilizie sia vincolato al rispetto della normativa in materia di barriere;
    - siano dichiarate inagibili e inabitabili (e sanzionati i responsabili) le opere realizzate in edifici pubblici o aperti al pubblico in modo tale da compromettere l'accessibilità ai disabili;
    - sia riservata una quota di fondi per opere nell'edilizia residenziale pubblica;
    - che siano adeguati i regolamenti edilizi comunali alle norme vigenti.

Ovviamente sono previste delle deroghe, in genere per motivi storico artistici.
Discorso a parte per gli edifici privati costruiti dopo l'entrata in vigore della Legge n. 13/89. Questa norma impone che siano costruiti tenendo conto delle prescrizioni tecnico-regolamentari previste dalla legge medesima e dal D.M. n.236/89, in materia di superamento o eliminazione delle barriere architettoniche. Le autorizzazioni edilizie devono conformarsi a tali prescrizioni tecnico-progettuali, e per i trasgressori sono applicabili le sanzioni previste dalla legge. Questi vincoli riguardano anche i cambi di destinazione d'uso e le ristrutturazioni.

In caso di inadempienze sono diverse le opportunità per i cittadini. Oltre alle iniziative di pressione diretta nei confronti della Pubblica Amministrazione, di denuncia mediatica, di sensibilizzazione dell'opinione pubblica, ed alla possibilità di adire direttamente in sede giudiziale, vi sono semplici azioni da intraprendere a tutela dei propri diritti, fra le quali si consigliano:

  • ricorso al Difensore Civico, che in sede istruttoria ha la possibilità di accedere agli atti interni e individuare le inadempienze compiute;
  • scrivere al Sindaco, facendo riferimento alla Legge n.241/90, cosiddetta legge sulla trasparenza degli atti, obbligandolo pertanto ad una risposta certa, che potrà eventualmente essere utilizzata in altra sede.

Va anche tenuto conto della nutrita giurisprudenza consolidata in questi anni nei diversi gradi del nostro Ordinamento Giudiziario, sistematicamente orientata a riconoscere il disabile titolare di inviolabili diritti soggettivi perfetti, perché costituzionalmente tutelati nella loro rilevanza, fra i quali fanno spicco quelli di uguaglianza e libertà , il cui godimento non è subordinabile in nessun caso a qualsivoglia motivo di natura tecnica, economica, patrimoniale, organizzativa o simile.

In conclusione c'è una considerazione da sottolineare, e cioè questa: accanto alle norme che devono essere rispettare per legge, esistono accorgimenti dei quali si deve tener conto se si vuole essere veramente accessibili.
In altri termini: non basta essere a norma per poter definirsi accessibili a tutti. Ancora: non esiste una soluzione ideale per ogni barriera architettonica.
Una rampa, a norma perché della pendenza dell'8%, può essere troppo ripida per una persona anziana in carrozzella, ad esempio.
La soluzione che vada bene per tutti non esiste, posto il dato di fatto che non esiste una architettura sviluppata solo in orizzontale.
La cosa migliore è la personalizzazione dell'intervento di superamento della barriera: ma è un'alternativa applicabile più all'edilizia privata che alla pubblica.

Stai cercando delle soluzioni per agevolare l'autonomia di una persona disabile o con ridotte capacità motorie negli ambienti di casa? 

 Visita le pagine dedicate a:

bottone montascale ausili bagno
 

Torna al menù principale dello Speciale Barriere Architettoniche