Menù

triride scooter  disabili
stannah montascale per disabili
adattamenti auto disabili

Typografia

Abbiamo contattato le principali compagnie aeree per conoscere le novità sull’imbarco di bagagli speciali (come propulsore di spinta per carrozzine) , anche alla luce dei recenti attacchi terroristici

Nonostante i  servizi che gli aeroporti mettono a disposizione per rendere il viaggio in aereo accessibile a tutti i tipi di viaggiatori (con e senza disabilità), stando alle segnalazioni dei nostri lettori, rimangono alcune difficoltà in materia di imbarco e trasporto di ausili speciali.
A causa inoltre dei recenti attacchi terroristici, le misure di sicurezza all'interno degli aeroporti e a bordo dei vettori stessi, si sono rivelate in alcuni casi più restrittive.
Abbiamo quindi deciso di contattare attraverso i call center di assistenza speciale le principali compagnie aeree che operano su territorio nazionale, chiedendo quali fossero le loro prescrizioni circa l'imbarco di un particolare ausilio per la mobilità: il propulsore di spinta per carrozzine.

Abbiamo scelto proprio il propulsore di spinta  per carrozzine perché, tra gli ausili più recenti, è quello che permette una grande autonomia alle persone che usano la carrozzina (anche e soprattutto nei momenti di svago, come può essere una vacanza). Ma è proprio il propulsore di spinta, per i suoi componenti, ad essere soggetto - in molti casi -a regole di imbarco o trasporto più restrittive rispetto alla sola sedia rotelle. Ad essere “problematica” per il trasporto aereo è principalmente la batteria al litio. Il problema delle batterie al litio è legato al fatto che, in casi particolari, potrebbero esplodere.
Non sappiamo perchè da alcune compagnie aeree sia ammesso l'imbarco delle carrozzine elettriche ma non del propulsore di spinta: ci limitiamo a riportare ciò che ci è stato detto dagli operatori.
Abbiamo fatto la stessa domanda a tutti i call center contattati, ovvero "Alla luce dei recenti attacchi terroristici, la vostra compagnia aerea come si comporta nei confronti dell'imbarco dei propulsori di spinta per carrozzine?"

ALITALIA
Il call center di Alitalia ci ha risposto che il propulsore di spinta è proibito indipendentemente da dove lo si imbarchi (a bordo con sé o in stiva). Per quanto riguarda le carrozzine elettriche (provviste anche queste di batterie) è necessario seguire la procedura indicata sul loro sito internet o contattare l'assistenza speciale.

AIRFRANCE    ---- AGGIORNAMENTI ----
Contattando il call centre della AirFrance ci hanno anche loro indicato l'impossibilità nell'imbarcare il propulsore di spinta sia in stiva che come bagaglio da portare con sé.

AMERICAN AIRLINES
Il call center di assistenza speciale che abbiamo contattato ha risposto in maniera diversa rispetto alle precedenti compagnie: per i viaggiatori con American Airlines è possibile imbarcare il propulsore di spinta per carrozzine a patto che sia dichiarato  preventivamente alla compagnia: contattando l'ufficio prenotazioni bisogna prima di tutto fornire il codice della propria prenotazione e fornire i dati, il voltaggio e altre informazioni sul macchinario. Successivamente tutte queste informazioni verranno inviate al dipartimento di assistenza speciale e l’invio sottoposto ad approvazione.
Uniche limitazioni: non si possono superare i 300W ed è necessario portarlo con sé a bordo: non è imbarcabile in stiva.

RYANAIR
Buone notizie dalla compagnia low-cost Ryanair dove il propulsore di spinta viene considerato come un pezzo aggiuntivo della carrozzina manuale e insieme a questa diventa come una carrozzina elettrica, quindi imbarcabile. Secondo quanto riferitoci dall’operatore del call center, non ci sono stati cambiamenti successivi agli avvenimenti terroristici. Vanno quindi considerati come due pezzi di attrezzatura da imbarcare seguendo due pesi separati. L'importante è fornire informazioni preliminari circa la marca, modello, pezzo e voltaggio. Se il passeggero non comunica le informazioni tre o quattro giorni prima, la compagnia si riserva di rifiutarne l'imbarco.

VUELING
Non siamo riusciti a contattare il call center della compagnia Vueling, ma riportiamo quanto trovato nel loro sito internet,  alla sezione “merci pericolose” non ammesse in alcun modo sui voli Vueling: Sono considerate merci pericolose i veicoli da trasporto leggero alimentati da batteria al litio o altro sistema, come mini-segway, hoverboard, airwheel, solowheel, balance wheel e altri dispositivi o ruote pivotanti di equilibrio simili

Queste le informazioni che siamo riusciti ad ottenere contattando i call center delle compagnie; restiamo a disposizione se qualcuna di queste avesse altri dettagli o  informazioni da fornirci, così da informare al meglio i nostri lettori prima di programmare una vacanza il più accessibile possibile.

Infine, raccomandiamo agli utenti con disabilità o bisogni speciali di contattare sempre in maniera precedente o contestuale alla prenotazione dei biglietti, per esaminare ogni singolo caso, l’assistenza speciale delle singole compagnie aeree.

In disabili.com
Autismo e viaggi in aereo: cosa sapere

Federica Scaramuzzi