Menu

Tipografia

Dalle valutazioni sulle caratteristiche dell’immobile, alla convocazione dell’assemblea per consenso e riparto della spesa, alcune cose da sapere

(Publiredazionale)

Il montascale è l’ausilio per eccellenza, insieme alla piattaforma elevatrice, quando si debba rendere accessibile una o più rampe di scale a persone che usano la carrozzina, il bastone, che hanno difficoltà a deambulare o che si stancano facilmente. Si tratta di una soluzione di accessibilità tra le più utilizzate nei condomini, soprattutto quando non si possa o non si voglia installare un più costoso ascensore.

Va detto che installare un montascale in un condominio è diverso dall’installarlo in una abitazione privata: vanno quindi fatte delle valutazioni specifiche. Il produttore specializzato Handicare ci aiuta nel nostro piccolo focus dedicato al montascale in condominio, dandoci alcune pillole informative per chi sta pensando a questa soluzione per la propria accessibilità.

1.      Diritto all’accessibilità e parti comuni
Una premessa: se da un lato il diritto alla mobilità e al superamento delle barriere architettoniche è garantito per legge (la n.13/1989), va anche ricordato che la normativa prevede che gli interventi di installazione di impianti per il superamento delle barriere architettoniche non debbano pregiudicare la stabilità e la sicurezza del fabbricato o alterarne il decoro dello stile architettonico. Inoltre, essendo installati in parti comuni, questi impianti non possono rendere inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino le parti comuni interessate.
Sotto questo aspetto il montascale è la soluzione ideale perché permette di rendere accessibile la scala pur continuando a consentirne l’uso normale da parte di chiunque: le dimensioni ridotte dei più recenti montascale salvaspazio (si pensi, ad esempio, a quelli a poltroncina) li rendono sempre meno ingombranti e impattanti a livello estetico.

2.      Differenze strutturali tra casa privata e condominio
Sul fronte strettamente strutturale e tecnico, nel caso del condominio dovremo prevedere molto probabilmente una rotaia con percorso lungo, superiore a quello che avremmo in una abitazione privata (pensiamo, ad esempio, ad un appartamento che si trovi al terzo piano). Il nostro montascale o la nostra piattaforma dovranno quindi essere omologati per lunghe distanze, ed eventualmente prevedere soste e fermate a più piani e pianerottoli. Il montascale dovrà quindi garantire anche una autonomia di utilizzo che ci consenta di non restare a piedi: particolare attenzione va quindi posta al sistema di ricarica di batteria, al suo consumo, e alla presenza di sistemi di sicurezza che impediscano al sistema di bloccarsi in caso di blackout.

3.      Uso esclusivo o collettivo dell’impianto
Se ci apprestiamo a valutare l’installazione di un montascale in condominio, un fondamentale aspetto da considerare è l’eventuale uso esclusivo, ovvero va valutato se ci serve un impianto il cui utilizzo è riservato ad un solo condomino, o a più.
Rispetto a questo, l’opzione delle chiavi in dotazione a coloro che hanno partecipato alla spesa è particolarmente utile. Nei casi in cui l’impianto sia destinato all’uso di più condomini, risultano poi pressochè necessari i radiocomandi, ovvero un telecomando che permette di richiamare il montascale al piano desiderato.

4.     Consenso dei condomini
Se si abita in un condominio e si desidera installare un montascale o una piattaforma elevatrice per disabili è necessario consultare l’assemblea condominiale per ottenere il consenso dei condomini, trattandosi di una installazione che andrà effettuata su parti comuni dell’edificio, e la cui spesa va ripartita in base ai millesimi di proprietà.
L’assemblea può esprimersi favorevolmente o in maniera contraria all’impianto: serve il consenso dei 2/3 dell’assemblea condominiale, mentre per la seconda convocazione basta il voto e la presenza di un terzo dei condomini.
Se non si ottiene il consenso dei condomini, o se l’assemblea non decide entro tre mesi dalla richiesta scritta di installazione, la persona disabile può effettuare i lavori accollandosi l’intera spesa.

5.      Convocazione dell’assemblea
Come detto, è necessario convocare i condomini del palazzo per discutere in assemblea l’installazione dell’impianto per il superamento delle barriere architettoniche. La persona interessata dovrà pertanto presentare una richiesta scritta all’amministratore di condominio. Il consiglio è quello di presentarsi all’assemblea con alcuni preventivi così da poter sottoporre agli altri condomini già delle ipotesi di impianto e di spesa.

Per una consulenza personalizzata e gratuita potete usare senza impegno il modulo di contatto a questa pagina.

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->