Menu

Tipografia
Una campagna di sensibilizzazione per la mobilità , contro le auto in sosta abusiva

È stata lanciata in questi giorni dalla Blindsight Project, in collaborazione con l'Aifvs (Associazione Italiana Familiari e Vittime Strada), Pedonal Free, una campagna di sensibilizzazione a favore dei passaggi pedonali liberi.
€˜Sono 300 mila i feriti in incidenti stradali in Italia, oltre 20 mila i disabili gravi prodotti da questa guerra non dichiarata - sostengono i membri dell'associazione - Il parlamento europeo ha chiesto all’Italia di ridurre, nei prossimi dieci anni, del 40% questi numeri‑¬.
Ma pare che le cose non stiano migliorando.
€˜Dopo ogni incidente grave, inizia un doloroso ed estenuante iter legale che dovrebbe portare alla individuazione delle responsabilità , alla punizione dei responsabili con pene commisurate alla gravità dei loro reati, e ad assicurare alle vittime o ai loro familiari un risarcimento equo. Ma nel nostro paese la giustizia è lenta ed approssimativa‑¬ continuano all'Aifvs.

Ogni anno in Italia si contano più di 6 mila morti;
altrettante sono le famiglie che piombano nel dolore per la morte di un loro caro o per la difficoltà di gestire la perdita definitiva della salute. €˜Questi numeri rappresentano una priorità politica per chi vuole tutelare la vita e la sicurezza degli italiani, per chi vuole debellare la prima causa di morte dei giovani, per chi sostiene di avere a cuore la soluzione delle morti bianche (dato che la metà dei morti sul lavoro sono dovuti agli incidenti sulla strada), per chi vuole ridurre con coscienza e concretezza i costi sociali: si pensi che quelli legati agli incidenti stradali sono superiori a una pesante finanziaria - proseguono - Perciò la nostra associazione si è impegnata a condividere la responsabilità per la sicurezza stradale in Europa, attraverso la condivisione dei 10 principi generali della European Road Safety Charter‑¬.

Ecco i principi enunciati:
1) Intraprendere misure per contribuire a ridurre il numero dei morti sulle strade
2) Includere azioni di sicurezza stradale tra i principali criteri decisionali
3) Condividere informazioni per favorire l'efficacia delle misure preventive
4) Intraprendere azioni concrete per prevenire gli incidenti stradali negli ambiti della formazione e dell'informazione dei conducenti, dell'equipaggiamento e dell'ergonomia delle automobili e delle infrastrutture
5) Sostenere il perfezionamento e l'applicazione di tecnologie atte a ridurre le conseguenze degli incidenti stradali
6) Contribuire allo sviluppo di strumenti che favoriscano un controllo uniforme, continuo e adeguato dell'osservanza del Codice della strada
7) Promuovere attività educative permanenti
8) Contribuire a una migliore conoscenza delle cause, delle circostanze e delle conseguenze degli incidenti
9) Avere cura che si presti un'assistenza medica, psicologica e giuridica efficiente e di qualità alle vittime degli incidenti stradali
10) Condividere risultati e accettare valutazioni, nel rispetto della privacy, con lo scopo di incrementare la sicurezza stradale.
In questa linea di azione si inserisce la campagna Pedonal Free: nei siti web delle associazioni promotrici si trova il materiale di propaganda da diffondere, soprattutto tra coloro che non vedono, non sentono o non possono camminare, e spesso sono costretti a muoversi in mezzo alla strada a causa dei passaggi pedonali occupati da auto in sosta.

La campagna consiste in un banner da inserire nei propri siti web e in un volantino da collocare sul tergicristallo delle auto in sosta sui passaggi pedonali affinché molti possano capirne l'importanza. €˜Essi non sono solo l'attraversamento stradale per i pedoni - concludono gli organizzatori della campagna - ma anche l'unica possibilità di €˜salvezza‑¬ per molti disabili, troppo frequentemente bloccati sui marciapiedi o addirittura in mezzo alla strada, con i rischi che ne conseguono per l'incolumità della vita umana. E' per questo motivo che la Blindsight Project e l'AIFVS collaborano per la diffusione capillare tra gli automobilisti di una cultura di maggiore civiltà ‑¬.

INFO:

Blindsight Project

Aifvs (Associazione Italiana Familiari e Vittime Strada)
Via A.Tedeschi, 82
00157 Roma
Tel. 06/41734624
fax 06/233216163

Sulla sicurezza dei pedoni vedi anche questi articoli comparsi in Disabili.com:

SE IL MARCIAPIEDE MANCA, CHI PENSA ALLA SICUREZZA DEI PEDONI IPOVEDENTI?

PRESENTATA A PADOVA "ROTATORIE SICURE!"

UN PERCORSO, UNA GUIDA, UN CONCORSO 'AD OCCHI CHIUSI'


[Cinzia Agostini]