Menu

Tipografia

expo milano 2015Annunciati un portale, una app e totem informativi sull’accessibilità della città

“Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” sarà il tema dell’Expo2015, "l'Esposizione Universale 2015" che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015. Il tema scelto vuole essere un confronto globale sul problema del nutrimento dell’uomo e della Terra, e si pone come un momento di dialogo tra i protagonisti della comunità internazionale sulle principali sfide dell’umanità.

Considerando la portata dell’evento, la città si prepara per accogliere milioni di visitatori, che da tutto il mondo, arriveranno a Milano. E’ pronta quindi la città ad accogliere tantissime persone, anche con disabilità? A che punto siamo con le barriere architettoniche?
Dopo il richiamo della Ledha (Lega per i diritti delle persone con disabilità) è stato approvato il piano “City operations" che include diversi progetti, tra cui quello di rendere la città accessibile per tutti. Gabriele Favagrossa, referente di Ledha, aveva lamentato «Quali risposte abbiamo avuto finora da Expo? Molto semplice: nessuna. Non c’è, ad oggi, un’interlocuzione aperta» e ancora «Sentiamo ripetere da anni che si tratta di una grande occasione. Ma la domanda è: per chi? Se davvero l’esposizione universale deve essere un’opportunità è giusto che lo sia per tutti e che consenta una reale crescita del territorio”.

Un richiamo, questo, che non è caduto nel vuoto, tanto che l’amministrazione meneghina sta approntando soluzioni per favorire l’accessibilità anche ai visitatori con bisogni speciali. Ispirandosi al progetto inglese Legible London, verranno installati nella città 150 totem informativi, dotati di segnaletiche, mappe pensate per dare supporto e aiutare le persone a girare per la città. Utili non solo per descrivere da un punto di vista turistico l’affascinante Milano, ma anche per rendere noti i luoghi accessibili . Il piano si integrerà poi con il lavoro che stiamo facendo per la realizzazione di dieci percorsi apposta per persone con disabilità", ha spiegato l'assessore ai Trasporti Pierfrancesco Maran. I totem verranno collocati nelle zone a più alta densità pedonale. Secondo quanto affermato dai promotori, in linea con lo spirito dell’esposizione, che vuole sollecitare la mobilità cittadina, i totem verranno lasciati anche dopo il termine dell’Expo.

Ma non ci saranno solo i totem a dare info sull’accessibilità di Milano. E’ stato annunciata anche la creazione di un portale e una app (che saranno tradotti anche in lingua straniera) dedicati a orientare e guidare per la città le persone con disabilità durante Expo 2015. Si tratta del progetto Expofacile, che vede insieme il Comune di Milano e varie associazioni di persone con disabilità.
 Il progetto prevede inoltre altre iniziative, tra cui l'istituzione di un punto informativo fisso presso l'Urban Center, in Galleria Vittorio Emanuele.

A queste operazioni dell’amministrazione si affiancano anche iniziative delle associazioni. Ad esempio, quella della FAIS-Federazione Associazioni Incontinenti e Stomizzati Onlus, che a partire da un'esigenza dei propri iscritti, ha realizzato una mappa della Metropolitana di Milano dove, oltre le informazioni fornite dall'ATM, sono indicate le stazioni dotate di servizi igienici, con segnalazione di quelli accessibili.

Sul fronte accessibilità, in vista di Expo 2015 qualcosa si sta quindi muovendo, anche se il tempo stringe e le cose da fare tante. Auspichiamo che sia una occasione importante che Milano non sprecherà.

Per info:

www.expo2015.org/it



In disabili:


MILANO SI PREPARA AD ACCOGLIERE I DISABILI IN VISTA DI EXPO 2015… OPPURE NO?


CITTA' ACCESSIBILI: MILANO VUOLE SCIVOLI E PEDANE PER NEGOZI E ATTIVITA'

MILANO ACCESSIBILE AI DISABILI: QUANTA STRADA DA FARE!

Redazione