Menu

Tipografia

Si "muove" la politica campana per garantire la mobilità ai disabili della regione.
Il gioco di parole commenta la proposta di legge presentata dal consigliere regionale Michele Caiazzo, DS, che prevede l'istituzione nei comuni della Campania di un apposito servizio di mobilità assistita.
E' lo stesso Caiazzo a raccontare obiettivi e termini del progetto: "Puntiamo a garantire servizi di mobilità assistita ai diversamente abili, affinché sia favorito il loro inserimento sociale e lavorativo. Spero che tale proposta venga approvata al più presto, soprattutto per dare una risposta immediata a centinaia di ragazzi e anziani, costretti a vivere su di una sedia a rotelle o in condizioni di forte disagio. Quanti di loro pur vivendo in situazioni drammatiche riescono ugualmente a dimostrare con grande umiltà le proprie capacità umane e professionali? Sono davvero molti. Spesso non possono muoversi per raggiungere luoghi e posti. E' giusto creare un servizio adeguato, efficiente, che dia loro risposte efficaci e immediate. Un servizio che potrà essere organizzato secondo le loro esigenze giornaliere".

Adesso la proposta dovrà seguire l'iter istituzionale per poi essere sottoposta all'esame del Consiglio Regionale.
I Comuni potranno istituire il servizio di mobilità assistita per facilitare il trasporto di soggetti disabili psico - fisici che hanno difficoltà nel muoversi. Tali servizi potranno essere istituiti entro un anno dall'entrata in vigore della legge regionale, presso i relativi uffici del Piano sociale di zona.

Secondo la proposta di legge, la gestione del servizio potrà essere affidata solo alle cooperative sociali del terzo settore formate da soggetti disagiati e iscritte all'albo nazionale istituito presso il Ministero dell'Attività Produttive, con decreto ministeriale del 23 giugno 2004. Questo aspetto non è di secondaria importanza in quanto l'iscrizione all'albo nazionale sarà condizione essenziale per la stipula delle convenzioni con le rispettive amministrazioni pubbliche.
"In questo modo sarà possibile ottenere due risultati importanti - ha proseguito Caiazzo - perché da una parte aiuteremo i disabili e dall'altra si creeranno prospettive occupazionali".

Il servizio potrà essere svolto con l'uso di mezzi idonei al trasporto di persone che utilizzano le carrozzine. Inoltre i veicoli dovranno avere caratteristiche tecniche tali da consentire l'accesso, la mobilità interna e un'adeguata sistemazione.
Le attività del servizio di mobilità assistita saranno gestite dal Centro Operativo che nascerà presso l'ufficio di piano del Comune capofila. Tale Centro dovrà essere gestito dalle cooperative sociali affidatarie del servizio. La stessa proposta prevede l'intervento della Regione che potrà concedere contributi a fondo perduto sino al 100% della spesa ammissibile.

INFO:

Il sito ufficiale della Regiona Campania 

A questo link la nostra recensione dell'interessante portale Centri-impiego.it, curato dall'Assessorato alla Formazione e al Lavoro della Regione Campania.

Su iniziative campane a favore delle persone con disabilità vedi anche i seguenti articoli:
A NAPOLI PARTE 'ESTATE SERENA', CON TANTI PROGETTI PER L'ACCESSIBILITA'

CAMPANIA, PER LE POLITICHE SOCIALI E' "WORK IN PROGRESS"


[Alberto Friso]