Menu

Tipografia

Quando anche un fuoristrada può aiutare a stare assieme tra persone con disabilità e non. E' il racconto che ci propone Elena Legnaro, di una gita un po' particolare, in mezzo alla neve, anche se risale ad appena un mese fa. Eccovelo di seguito!

"Già da tempo la passione del fuoristrada mi aveva contagiato. Grazie ad alcuni amici che fanno parte del Sodalizio Fuoristradisti Euganei di Padova, la pratica del 4x4 è diventato un modo per fare amicizie e nuove esperienze insieme. A marzo di quest'anno, grazie a tutto il direttivo del Sodalizio, sono riuscita ad allargare la partecipazione ad altri miei amici disabili, che appartengono al gruppo "Speranza" di Villatora.
Abbiamo organizzato un'escursione in fuoristrada sul monte Cengio, nelle prealpi venete, per il 25 di marzo.
Partenza da Padova, in Prato della Valle, dove il mattino ha visto schierati ben 11 equipaggi con i loro fuoristrada, tra i quali uno guidato da un disabile paraplegico. Nelle altre dieci vetture hanno trovato posto alcuni altri navigatori con varie disabilità.
Doppio lo scopo dell'occasione. Fare un'esperienza diversa, e concedersi un "break" dalla famiglia, socializzando con nuove persone. Infatti l'iniziativa ha riscosso molto successo proprio per il clima di conviviale di amicizia che si è instaurato tra tutti i ragazzi.

Vinte alcune perplessità iniziali sulla "sicurezza dell'iniziativa", ci siamo lasciati coinvolgere. Per salire sui 4 x 4 abbiamo dovuto farci aiutare, perché purtroppo le auto da fuori strada sono tutte molto alte e questo non facilita certo la salita sul sedile per chi usa la carrozzina.
L'idea era anche di fare un pic-nic in alta montagna, ma purtroppo il meteo ci aveva riservato una grande nevicata fuori stagione, che non ci ha certo aiutato a stare all'aria aperta.
Durante il tragitto abbiamo potuto ammirare ben poco per la verità, se non un paesaggio tutto imbiancato da una vera e propria tempesta di neve: sembrava quasi di volare sopra le nuvole. 
Un'ora o poco più di auto, ed eccoci arrivati in vicinanza al Cengio: per noi disabili era l'opportunità di visitare luoghi altrimenti non raggiungibili. 

Quello che ci accomunava con i patiti dei fuoristrada erano le "4 ruote" per alcuni di noi. Ma presenti eravamo persone con disabilità diverse: c'erano paraplegici,  tetraplegici, non vedenti, psichici… 
Non è facile trovare persone amiche che ti sanno accogliere: noi siamo persone a cui ci si accosta troppo poco e con troppa circospezione, sottovoce e con disagio, ma in tutti i ragazzi del club e nei loro amici abbiamo trovato quel qualcosa che ci ha fatto stare bene, facendoci sentire "normali".

Per questo voglio ringraziare di cuore Elena Pieropan,  Massimo Lorenzin, Francesco Dalla Bona, Massimo Sedocco, Brunaldo Pieropan, Matteo Salmaso, Umberto Bonollo, Alessandro Turra, Giulio Volpi, Ernesto Hammer, Alessio Massimo, e l'apripista ufficiale Serafino Baù. Chiedo già venia per chi non avrò citato, ma eravamo davvero in molti.

Non sono mancate ovviamente le pause conviviali con pane, salame, dolci, e buon vino: non ci siamo fatti mancare nulla! Visto il gran freddo abbiamo optato per l'accogliente e caloroso (e soprattutto accessibilissimo) rifugio Kubelek di Cesuna, dove ci attendevano prelibatezze culinarie e piatti casalinghi.
Così tra foto e battute ci siamo ulteriormente affiatati, e con alcuni abbiamo ipotizzato una sfida: l'escursione nel deserto.

Era la prima volta che alcuni di noi lasciavamo la casa da soli, in compagnia di sconosciuti, e ciò sicuramente è stato un grande evento. Mai infatti avevamo goduto di tanta libertà e spensieratezza… e quelle barriere che ogni ora segnano la nostra vita, per un giorno sono state abbattute perché dove non arrivavano le nostre gambe arrivavano i 4x4!"

Cari lettori come avete potuto leggere una nuova possibilità si è aperta e ora aspettiamo giovani leve per diventare navigatori, o guidatori. Con un bel gruzzolo da spendere in questo caso visto i costi non proprio modesti delle vetture da fuoristrada…

INFO:

Per chi volesse maggiori informazioni e/o prenotarsi per la prossima escursione:
Elena Legnaro tel. 3488566625

Il sito del Sodalizio Fuoristradisti Euganei di Padova 


[Valter Nicoletti