Menu

Tipografia

Si respira aria di ferie: e' bene dunque sapere cosa le ferrovie del nostro paese offrono ai viaggiatori disabili. Le Ferrovie Italiane hanno creato dei 'Centri di Accoglienza', punto di riferimento per questi utenti. A richiesta del cliente, i Centri sono in grado di organizzare l'assistenza in 152 delle stazioni ferroviarie dislocate sul nostro territorio, per il viaggio dalla stazione di partenza a quella di arrivo. Dispongono inoltre dei seguenti servizi:
prenotazione posti riservati, eventuale messa a disposizione della carrozzina, guida in stazione e accompagnamento al treno, guida fino all'uscita della stazione o ad altro treno, salita o discesa con carrelli (solo purtroppo dove disponibili), eventuale servizio, su richiesta, di portabagagli a mano ( un solo bagaglio).
Per ottenere il servizio di assistenza, bisogna telefonare o recarsi negli orari di apertura degli sportelli dei centri almeno 24 ore prima della partenza. Il servizio per i viaggi internazionali deve essere obbligatoriamente richiesto, direttamente alla stazione di partenza, almeno 3 giorni lavorativi prima dell'inizio del viaggio. Occorre poi presentarsi almeno 45 minuti prima della partenza del treno. A Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Padova e Venezia c'e' anche un servizio di trasporto a pagamento, dal domicilio all'ingresso in stazione e viceversa, per gli Intercity, Eurocity ed Eurostar Italia (ETR 460 e 500): per usufruirne si deve farne richiesta preventivamente al Centro di Accoglienza stesso, comunicando tutti i dati relativi al viaggio. La richiesta deve essere effettuata almeno 6 ore prima della partenza e non oltre le ore 19,00 del giorno precedente, per i treni in partenza fino alle ore 11,00. Il servizio viene effettuato all'interno del territorio urbano: concordato
l'appuntamernto con l'operatore, il disabile dovrà trovarsi al piano terra del numero civico prefissato. Il pagamento avverrà ad operazione conclusa.
CARTA BLU: le persone disabili, titolari di pensione di accompagnamento e residenti in Italia possono richiedere la carta blu, consegnando al Centro di Accoglienza o alla biglietteria, copia della relativa documentazione. La CARTA BLU e' una tessera nominativa del costo di lire 10.000 ed e' valida per 5 anni. Offre al viaggiatore disabile la possibilità di non pagare il biglietto per l'accompagnatore. E' valida anche nei collegamenti marittimi FS da e per la Sardegna, ma solo nei percorsi nazionali, e non è comulabile con altre iniziative.
Concessione Speciale 3 (per ciechi): Il cieco titolare della concessione può usufruire di una tessera mod. 28T/C (valida 5 anni) e di apposite richieste (Mod. 28) per i viaggi isolati dell'accompagnatore. La tessera e le richieste di viaggio vengono rilasciate dalle associazioni di categoria. Alcuni treni sono attrezzati con carrozze per viaggiatori su sedia a rotelle, Intercity/Erocity ed Eurostar Italia (Etr 460 e 500).
Se volete potete anche andare al sito delle Ferrovie dello Stato http://www.fs-on-line.com/.
Avrei voluto poter affermare che tutti i treni sono accessibili, che non bisogna chiamare giorni prima, avrei voluto affermare che il treno e'utilizzabile dai disabili con le stesse modalità di chiunque altro. Putroppo non e' ancora così!
Dimenticavo, buon viaggio a tutti.

Valter Nicoletti walter@disabiliforum.com
Presidente Centro Servizi Mobilità